I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Music

Iva Zanicchi senza freni: “Quando sono nata ero bruttissima”

today29 Gennaio 2024 21

Sfondo
share close


Iva Zanicchi è stata ospite del salotto di Mara Venier a Domenica In, dove ha ripercorso le diverse fasi della sua vita. Con grande autoironia, la cantante emiliana ha ammesso che da piccola non era di bell’aspetto: Ero orribile, aveva ragione mia mamma a dire eri carina, intelligente, ma non proprio bella. Io sono nata bruttissima, mi volevano buttare via davvero”. 

Le sue parole hanno spiazzato il pubblico e la conduttrice, che ha chiesto maggiori informazioni. A quel punto Iva ha ammesso che suo padre desiderava avere un figlio maschio: “Per tre giorni non mi ha voluto vedere. Alla fine però sono diventata la figlia prediletta insieme a mio fratello”. E ricordando la mamma ha confessato che, pur non avendo avuto la possibilità di studiare, si è sempre contraddistinta per la sua intelligenza e dolcezza: “L’altro giorno sono andata al San Raffaele ed ho incontrato una dottoressa bravissima che mi ha detto: ‘La mia Elsa, quanto mi manca’. Come vedi era così amata che la dottoressa la ricorda ancora dopo oltre vent’anni.

Durante la puntata è stato trasmesso un filmato per ripercorrere la sua brillante carriera nel mondo della musica, fatta di ricordi indimenticabili, tra alti e bassi e momenti di profondo dolore. La vittoria al Festival di Sanremo la ricorda bene: correva l’anno 1967, quando conquistò il podio insieme a Claudio Villa portando il brano Non pensare a me. Quel momento si è trasformato un ricordo dolceamaro: “Quando ho vinto è stato un anno orribile, perché è morto Luigi Tenco – ha detto – Per me è stata una tragedia. Al mattino ho sentito un gran trambusto e ho appreso la notizia. Ho chiamato mia madre e ho preparato la valigia. Era impensabile per me che il Festival continuasse. E invece non è stato così. Quando ho vinto io dietro le quinte ho pianto come un vitello. In seguito però mi sono goduta il successo”.





.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%