I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Ambiente

La Toscana dà il via libera al raddoppio della produzione di Rosso di Montalcino

today18 Giugno 2024 7

Sfondo
share close


Con un decreto della Regione Toscana pubblicato nei giorni scorsi entra nella fase operativa l’allargamento della Doc del Rosso di Montalcino approvata dal Consorzio di tutela del Brunello nello scorso dicembre. L’operazione dovrebbe portare ad aumentare i vigneti per produrre Rosso Doc di circa 364 ettari (dagli attuali 519,7). L’ampliamento non richiederà l’impianto di nuove vigne: gli ettari aggiuntivi infatti fanno già parte delle mappe del territorio come quota di vigneti coltivati a Sangiovese ma liberi da albi contingentati e d’ora in avanti potranno essere utilizzati per il Rosso. Con l’allargamento si stima che le bottiglie di Rosso di Montalcino prodotte ogni anno quasi raddoppieranno passando dai 3,6 milioni di oggi ai 6,6 previsti a regime.

La notizia arriva a pochi giorni da Red Montalcino, l’evento organizzato dall’ente consortile in programma venerdì 21 giugno alla Fortezza del borgo toscano.

«La delibera della Regione – ha commentato il presidente del Consorzio del Brunello (e del Rosso) di Montalcino, Fabrizio Bindocci – arriva proprio in occasione dei quarant’anni del Rosso. I nostri produttori potranno ampliare la propria produzione in modo da rispondere alla crescente richiesta di mercato, anche internazionale. La domanda, infatti, c’è e a far mancare il vino su alcuni mercati come negli Usa o in Nord Europa si corre il rischio di essere espulsi dagli scaffali». Il bando varato dalla Regione applica il metodo “regressivo” adottato dall’assemblea del Consorzio. In sostanza le imprese con un vigneto fino a 10 ettari potranno allargare i filari di un 15%. L’incremento invece sarà in percentuale inferiore per le imprese fino a 20 ettari e per quelle con più di 20 ettari. Un meccanismo introdotto con l’obiettivo di favorire la crescita delle piccole aziende; sono infatti 258 le cantine comprese nel primo cluster (fino a 10 ettari), contro le 52 delle restanti categorie a maggior estensione. In base ai dati di mercato il Rosso di Montalcino è tra le poche etichette con margini di crescita in una congiuntura che si sta rivelando difficile per i vini rossi. Un trend dal quale sembrano esclusi solo i vini con forte identità, ancorati a territori di grande riconoscibilità.

Le cifre riportano negli ultimi anni una costante crescita dei prezzi medi del Rosso, con posizionamenti ben consolidati sui segmenti più profittevoli (Horeca) e allargamento delle vendite verso fasce di prezzo a più alto valore aggiunto.

Scopri di più
Scopri di più

Nel 2023 i prezzi medi hanno riportato incrementi significativi: +10% sul mercato interno e +5% all’estero. Fino al 2022 le vendite di Rosso di Montalcino Doc avvenivano soprattutto entro i confini nazionali. Adesso invece la quota di export ha raggiunto il 47% del totale e quindi ha quasi pareggiato i consumi interni. Il Rosso di Montalcino è venduto in oltre 90 Paesi. Secondo i dati dell’Osservatorio Economico del Consorzio, circa il 40% del valore delle vendite viene generato dal mercato statunitense, seguito dal Canada (14%), per un’incidenza totale del blocco Nordamerica pari al 51%. I Paesi di seconda fascia sono tutti europei, con in testa Germania (6%), Svezia (5%), UK (4%) e Norvegia (1%). Eccettuata la Svezia, tutti i principali mercati sono in una fascia di prezzo superiore agli 8 euro/bottiglia (prezzo franco cantina).



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%