I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Ambiente

Lollobrigida: agricoltori amici dell’ambiente. Favoriamo i pannelli fotovoltaici su stalle e tetti

today24 Maggio 2024 4

Sfondo
share close


“Abbiamo riportato l’agricoltura al centro dell’agenda politica italiana ed europea. L’Italia ha guidato in Europa un fronte di paesi che è riuscito a far modificare un’impostazione delle politiche Ue che vedevano nell’agricoltore un nemico dell’ambiente e non un alleato. Abbiamo messo ordine nel sistema delle rinnovabili e del fotovoltaico in particolare favorendo l’agrivoltaico sui tetti delle stalle e dei fabbricati agricoli e frenando invece gli investimenti a terra che sottraevano terreni alla produzione agroalimentare”.

Ha ripercorso le principali scelte compiute dal Governo Meloni in materia agricola, il ministro dell’Agricoltura e della Sovranità alimentare, Francesco Lollobrigida in un colloquio oggi al Festival dell’Economia di Trento intitolato “Agricoltura europea al bivio tra assistenzialismo e innovazione”. “Di assistenzialismo ne vedo poco – ha aggiunto Lollobrigida – gli agricoltori vanno in realtà incentivati a produrre derrate agricole per garantire una sovranità alimentare europea messa a rischio dalle tensioni geopolitiche”.

Scelte importanti in particolare per un paese come l’Italia “che è deficitario in diverse filiere – ha aggiunto Lollobrigida – dai cereali alle carni rosse. La guerra tra Russia e Ucraina ha prima messo in difficoltà le forniture energetiche e subito dopo quelle agroalimentari scatenando tensioni sui prezzi e sui costi di produzione che ancora non sono rientrate. Bisogna prendere atto di questo nuovo scenario e rimettere al centro la politica e la produzione agricola. Ed è quello che abbiamo proposto di fare”.

Tra i rischi disinnescati di recente anche quello relativo alla contrapposizione tra agricoltura e ambiente. “Davvero non capisco – ha proseguito il ministro – come gli agricoltori che coltivano al terra e dalla terra traggono la propria ricchezza e che puntano a lasciare la terra ai propri figli possibilmente migliore di come l’hanno ricevuta possano essere considerati nemici dell’ambiente. Spero proprio che siamo riusciti a intervenire e correggere la rotta e che la prossima Commissione proponga una transizione ambientale sostenibile anche per le imprese”.

Scopri di più
Scopri di più

Il ministro si è soffermato a lungo sul tema delle energie rinnovabili. “Abbiamo trovato un settore i cui investimenti nel Pnrr erano vincolati all’autoconsumo. Appena siamo riusciti a correggere questo vincolo abbiamo visto che gli investimenti sono decollati triplicando gli obiettivi iniziali”.



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%