I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Food

Algida-Unilever divisa: migliaia di licenziati, volo in Borsa

today25 Marzo 2024 35

Sfondo
share close


Il gigante alimentare scorpora la produzione del comparto gelati e annuncia licenziamenti “per rilanciare l’azienda”. La storia, le cifre, la trasformazione

di FoodCulture
  

Algida, Unilever, Cornetto: tre marchi fra i più amati e ricchi del mondo (montaggio da foto Shutterstock)

Algida, Unilever, Cornetto: tre marchi fra i più amati e ricchi del mondo (montaggio da foto Shutterstock)


Ne ha fatta di strada la gelateria artigianale fondata nel 1946 da Italo Barbiani e Alfred Wiesner a Roma. L’Italia ancora in macerie salutava la nascita a Roma dell’Algida. Dapprima era un solo locale, sette anni dopo quando l’ingegnere austriaco antifascista ottenne come premio dagli Alleati due macchine per la produzione di gelato, la Algida diventava azienda e marchio di sempre maggiore prestigio. Nel 1964 se la sono comoprata gli anglo-olandesi della Unilever. E oggi è proprio da quel fronte che arriva un gelato amaro e avvelenato. Perché l’azienda viene divisa e sono annunciati 7500 licenziamenti.

Ma lo stato di crisi non c’è

La divisione gelati va scorporata dal resto dell’azienda, hanno annunciato i vertici di Algida-Unilever. La promessa è di un rilancio più mirato ed efficiente. Nel frattempo si parla di piano di risparmio che dovrà portare a tagli sulle spese di 800 milioni di euro in tre anni. In soldoni sono 7500 posti di lavoro che vengono tagliati. Eppure lo stato di crisi non c’è e i conti del colosso alimentare sono tutt’altro che in rosso. I fatturati parlano chiaro: oltre 60 miliardi di euro con un utile netto di 6, 5 miliardi. Mai Cornetto, Cremino o Magnum furono più amari. Ma allora perché questa “razionalizzazione”?

Ferrero, le nocciole sbagliate e il flop da 70 milioni: l’approfondimento

Il nuovo volto dell’azienda

Ian Meakins, presidente di Unilever, ha annunciato che lo scorporo della produzione dei gelati dalle altre attività del gruppo creerà un polo più focalizzato sull’eccellenza di questa parte dell’attività, con l’obiettivo di farne un leader mondiale. I risparmi dovuti ai tagli rappresenteranno nei primi tre anni l’1,2% del fatturato complessivo, il che permetterà di investire in adeguamento tecnologico. L’azienda dice che parlerà con le parti sociali e che terrà conto della dignità delle persone. Sta di fatto che i tagli ci saranno, nel mentre il titolo vola in borsa e ha guadagnato il 6% solo con questo annuncio. Unilever possiede cinque dei dieci marchi di gelato più apprezzati e venduti al mondo. Ma ancora non basta: dopo la chiusura degli stabilimenti di Cagliari e Cisterna di Latina, i gelati Algida in Italia si producono solo a Caivano, in provincia di Napoli. Il resto è tutto all’estero. Ma il cuore di panna non batte abbastanza forte, la parola d’ordine è: su i fatturati del comparto gelati. E quindi lo scorporo e i tagli all’occupazione. 

Briatore porta la sua pizza a Napoli e sfida Sorbillo. Volano parole grosse: leggi qui

 

di FoodCulture
  





.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%