I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Ambiente

Barolo, bagarre sulle regole: «Con più vigneti cala il valore»

today25 Gennaio 2024 4

Sfondo
share close


È bagarre in Piemonte sui vini di punta della Regione: Barolo e Barbaresco. Molti produttori delle due denominazioni temono che il pacchetto di proposte di modifica dei disciplinari di produzione presentato dal Consorzio di tutela (che è unico, tutela Barolo, Barbaresco, Alba, Langhe e Dogliani e ha la governance, per giunta, in scadenza) possano portare a perdita di identità delle denominazioni e – anatema – a un incremento indiscriminato della produzione con penalizzazioni a cascata sulle quotazioni dei vini e del valore patrimoniale dei vigneti.

Le modifiche

Ma andiamo con ordine. La prima richiesta di modifica – che è anche l’unica che trova un ampio consenso tra i produttori – riguarda l’obbligo di imbottigliamento in zona, in zona d’origine quindi (e che deve coincidere con la zona di vinificazione) sia per il Barolo che per il Barbaresco. Una richiesta divenuta impellente pochi mesi fa quando la Camera di commercio italiana negli Usa ha segnalato il caso di un imbottigliatore statunitense che confezionava Barolo importato sfuso. Si tratta quindi di una misura che va nel senso di ampliare le garanzie di autenticità del prodotto. Garanzie che molti ritengono complicato assicurare a 4mila chilometri di distanza.

LA MAPPA DELLE DOCG

Loading…

La parte più controversa

Molto più controverse sono invece le altre misure proposte dal Consorzio a cominciare dall’ipotesi di stabilire un nesso di reciprocità tra le due Docg che finora hanno funzionato a compartimenti stagni: a oggi nella cantina dove si produce Barolo non si può imbottigliare anche Barbaresco e viceversa.

Questa proposta poi sarebbe accompagnata da un’altra misura che prevede di ricomprendere nell’area di vinificazione e imbottigliamento tutti i comuni ad oggi esclusi anche se ricompresi nelle rispettive denominazioni. È il caso ad esempio della cittadina di Alba che vanta solo pochi filari che rientrano nella denominazione ma nella cui zona industriale si potrà in futuro ubicare un grosso impianto di vinificazione e imbottigliamento sottraendo così lavoro alle aree più agricole.

Scopri di più
Scopri di più

E infine la proposta più controversa anche perché giustificata da motivazioni legate al cambiamento climatico: quella di piantare ex novo o ricomprendere nelle aree Docg i versanti Nord delle due denominazioni di Barolo e Barbaresco che finora erano stati esclusi perché ritenuti non idonei a produrre uve per vini di qualità.



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%