I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Tecnologia

Confronto iPhone 15 Pro Max vs Pixel 8 Pro: quale scegliere?

today16 Ottobre 2023 8

Sfondo
share close


Eccoci finalmentepronti a rispondere auno dei quesiti che pi ci avete posto negli ultimi giorni: ” meglio iPhone 15 Pro Max o Google Pixel 8 Pro?”. Non una domanda scontata, non pi almeno come poteva essere nelle precedenti generazioni, grazie alla nuova politica di aggiornamenti dichiarata da Google che permetter a Pixel 8 e Pixel 8 Pro di ricevere feature drop, major updates e patch di sicurezza per un periodo di ben sette anni.

Non solo, perchquest’anno come non mai le differenze hardware si sono assottigliate, con Pixel 8 Pro finalmente competitivograzie aun super display, alle fotocamere migliorate a tutto tondo eal nuovoTensor G3. Il SOC di casa Google (e Samsung, potremmo aggiungere) ancora non tiene testa all’A17 Pro di Apple ma, grazie al supporto del cloud e all’AI, riesce comunque a dire la sua.

In questo breve confronto cercheremo di capire in primis quanto queste differenze impattino nella vita di tutti giorniper poi invece spostarci sul piano dell’ecosistema, degli aggiornamenti edell’usabilit quotidiana. Direi di non perdere ulteriormente tempo: iniziamo subito con la nostra analisi!

INDICE

QUALIT COSTRUTTIVA E DESIGN

Come non partire dall’estetica e dalla qualit costruttiva, dal momento che entrambi gli smartphone hanno proposto importanti cambiamenti rispetto alle precedenti generazioni. Partiamo dicendo che, in fatto di design,sia Pixel che iPhone seguono una linea chiara e diretta di continuit conquanto gi fatto, risultando oramai piuttosto iconici.

iPhone 15 Pro Max probabilmente quello che ha cambiato di pi tra il titano anzich l’acciaio sul frame, un bump delle fotocamere ottimizzato e reso pi minimale, un peso ridotto di circa 20g, delle nuove finiture e delle dimensioni leggermente inferiori rispetto allo scorso anno. Pixel 8 Pro dalla sua porta come grande cambiamento il vetro opaco anzichlucido sul retro, le tre fotocamere nella camera bar ora unite e l’assenza di bordi curvi, un dettaglio non da poco che migliora di molto l’usabilit eil grip. Anche Pixel 8 Pro rimane per molti simile a Pixel 7 Pro, sia perestetica che per dimensioni.


Non abbiamo trovato reali motivazioni per preferire l’uno o l’altro, soprattutto pensando che entrambi sono IP68, entrambi hanno un peso e dimensioni pressoch sovrapponibili e la scelta tra uno e l’altro si rif molto ad un gusto personale e soggettivo. Andando a trovare il pelo nell’uovo potremmo dire che, vero, il frame dell’iPhone ora trattiene molte ditate, ma alla vista decisamente pi gradevole dell’alluminio lucido di Pixel 8 Pro che rischia di graffiarsi pi facilmente.

Guardando i due prodotti frontalmentenotiamo come iPhone abbia delle cornici ancor pi ottimizzate rispetto al Pixel, con il compromesso per di avere una Dynamic Island pi ingombrante del singolo forellino che troviamo sul dispositivo di Google. Pixel 8 Pro perde l’effetto squadrato a favore di forme tondeggianti decisamente pi aggraziate e che lo rendono “pi compatto” di tanti suoi rivali, quasi alla pari di iPhone 15 Pro Max.

Dando uno sguardo al frame salta subito all’occhio come iPhone abbia qualcosa in pi: il tasto Azione, programmabile a piacimento. Non reputiamo un’aggiunta come questa un qualcosa da perdere la testa, ma comunque una funzione gradita e che nella vita di tutti i giorni rimane comoda. Certo, su Android possiamo ottenere un risultato simile con il tasto power, ma avere un pulsante extra dedicatofa sicuramente pi comodo (anche per un fattore durabilit)

SBLOCCO E DISPLAY

Una volta presi in manoscopriamo non soloche entrambi si sbloccano tramite il riconoscimento del volto, ma che ora Google Pixel 8 Pro ha un riconoscimento del volto sicuro alla pari di iPhone e quindipossiamo sfruttarlo anche per i pagamenti! Attenzione per, perchPixel 8 Pro ha soltanto la selfie camera a supporto di questa funzione poich la sicurezza dello sblocco data da dall’accoppiata Tensor G3 + Chip di sicurezza Titan M2.

L’iPhone 15 Pro Max, grazie a tutti i sensori all’interno della Dynamic Island, ha uno sblocco pi efficace, rapido e funzionante in pressoch ogni condizione di luce, dove invece Pixel 8 e 8 Pro al calare delle tenebrediventano quasi inutilizzabili.Vi lasciamo comunque un reel che abbiamo caricato sul nostro canale Instagram per spiegarvi pi approfonditamente il tutto:

Una volta sbloccati i due dispositivi ecco che ci troviamo davanti a due dei migliori display in circolazione su smartphone. Entrambi hanno una dimensione di circa 6.7″ con risoluzione simile (1344 x 2992 il Pixel e1290 x 2796 l’iPhone),ed ovviamente entrambi hanno una tecnologia OLED. Le somiglianze non finiscono qui perch come vi anticipavo, ora anche Pixel 8 Pro abbraccia un display piatto, con soltanto il vetro leggermente stondato verso i bordi. Rimane identico anche il refresh rate essendo due pannelli LTPO: 1-120Hz dinamico per entrambi, ottimo per sfruttare l’AOD.

Ci che pi di tutto fa la differenza la luminosit enon solo perchGoogle Pixel 8 Pro ha un picco pi alto di 2400 Nits rispetto ai 2000 Nits di iPhone, ma proprio per la gestione della stessa. Scrollando una pagina web con colori chiari (come pu essere la home page di HD) si nota una differenza a favore di Pixel non trascurabile e che nella vita quotidiana regala diverse soddisfazioni. Nei nostri test Google Pixel 8 Pro non ha mai avuto problemi di protezione energetica sotto la luce diretta del sole, con conseguente abbassamento forzato della luminosit, mentre iPhone pi soggetto a questa problematica(seppur molto ma molto meno con il Pro Max di questa generazione). Google ha anche inserito il supporto all’Ultra HDR poi, mostrandoin questa generazione di voler puntare anche alle specifiche e non solto al software, finalmente!

PRESTAZIONI E BATTERIA

Se sul fronte deldisplay abbiamo un’esperienza pressoch sovrapponibile, lo stesso non si pu dire per quanto riguarda le prestazioni, almeno sulla carta. Alla base abbiamo due filosofie completamente agli opposti: iPhone ha a disposizione il miglior hardware con con un A17 Pro cos potente da far addiritturagirare videogiochi daconsole fisse. Pixel dalla sua ha un Tensor G3 finalmente migliorato edottimizzato, utilizzabile tranquillamente per il gaming mobile ma che sulla carta “il peggiore” SOC da top di gamma, facendomolto affidamento sul Cloud e sull’IA per svolgere operazioni complesse che richiederebbero uno sforzo eccessivo.

Google Pixel 8 Pro ha anche qualche rinuncia lato memorie, con delle UFS 3.1 non all’altezza delle NVME di iPhone, soprattutto sul lungo periodo e considerando che Pixel parte da 128GB mentre iPhone da 256GB. Pixel 8 Pro ha 4GB di RAM in pi di iPhone, che si ferma a “soli” 8GB ma ben sappiamo come la gestione della memoria sia differente per Android e iOS, rendendo il paragone poco sensato alla fin fine.

Al netto di queste differenze per, saremmo falsi nel dirvi che c’ una netta differenza nella vita quotidiana fatta di social, app bancarie, news, scrolling web, TikTok,reel montanti in 4k con Capcut e qualunque utilizzo affine vi venga in mente. Vero, il Pixel se apri e chiudi una app mille volte al minuto non ti sta dietro, ma chi di voi nella vita reale si mette a fare una cosa del genere?

C’ una differenza evidente invece per quanto riguarda il gaming:Pixel 8 Pro ha fatto dei passi in avanti enormi rispetto a Pixel 6 e Pixel 7, tanto da poter ora giocare a titoli impegnativi come Genshin Impact per pi di un’ora senza avere il terrore di iniziare a vedere il frame rate impazzire. La Mali Immortalis, che abbiamo visto in azione anche su Xiaomi 13T Pro, svolge effettivamente un ottimo lavoro, seppur il limite rimane Android come sistema. iPhone resta, insomma, un gradino sopra grazie alla sua ottimizzazione software.

Nell’appena citato Genshin Impact potrete notare come iPhone pu tranquillamente attivare i 120fps mentre su qualunque Android, anche i gaming phone, siamo sempre limitati a massimo 60fps. Ci avviene non tanto grazie all’A17 Pro, che rimane comunque una delizia per il gaming, ma grazie all’ottimizzazione che c’ dietro. Insomma, se state cercando un top di gamma ottimo anche per i videogiochi, iPhone rimane LA scelta.

ARGOMENTO BOLLENTE: LE TEMPERATURE

Dedichiamo qualche riga anche alle temperature perch nelle prime settimane di commercializzazione iPhone 15 Pro stato caratterizzato da notizie su temperature anomale e conseguenti drain della batteria, problemi che a quanto pare sono rientrati dopo un update nonostante alcuni utenti continuino di tanto in tanto a segnalare problematiche. Il nostro modello, dopo l’aggiornamento, non solo non scalda pi in modo anomaloma ci permette di raggiungere ora anche la giornata e mezzo di utilizzo medio.

Pixel 8 Pro, prima del lancio ufficiale, ci lasciava molto dubbiosi per “colpa” dei due precedenti Tensor G1 e G2prodotti da Samsung che hanno spesso avuto temperature anomale, lag e drain batteria immotivati. Fortunatamente in questo casofin dal lancio abbiamo riscontrato un’ottimizzazione ideale, segnata daun SOC magarinon potentissimo ma con un comportamento prevedibile nell’arco della giornata. Per le temperature medie nelle varie fasi di utilizzo vi ricordo di recuperare la recensione completa.

BATTERIA E RICARICA (LENTA)

Arrivando a parlare di autonomia c’ sicuramente da segnalare che entrambi gli smartphone hanno una batteria di circa 5000mAh sovrapponibile, come sono sovrapponibili anche le velocit di ricarica ferme a circa 30W. La type-c di iPhone supporta teoricamente fino a 27W ma dopo vari test emerso come sia meglio caricarlo a 20W. Pixel 8 Pro arriva a massimo 30We alla fineimpiega 1h e 30min o poco meno per effettuare una ricarica completa, meno della controparte Apple. I Pixel hanno la Ricarica Adattiva come funzione software che risulta essere molto smart, soprattutto se ricaricate il telefono di notte, ma tutto sommato anche iPhone con il Caricamento Ottimizzato ha un comportamento simile.

Se cercate un top battery-phone il nostro consiglio di optare per l’iPhone che tutto sommato ci permette ad oggi di fare tranquillamente un giorno e mezzo di autonomia, mentre il Pixel ci porta a fine giornata senza preoccupazione ma difficilmente andr oltre. Sarete costretti a ricaricare entrambi prima di andare a dormire ma tra uno/due anni iPhone vi permetter sicuramente di fare ancora la giornata di utilizzo mentre il Pixel far pi fatica, considerando il degrado della batteria.

Entrambi arrivano con un cavo type-c 2.0 in confezione di vendita tra l’altro, seppur abbiano poi una type-c 3 a bordo (il Pixel ancora non supporta l’uscita video).

SPEAKER, RICEZIONE E MICROFONI

Accorpiamo in questo mini capitoletto tre cose essenziali e che entrambi gli smartphone fanno molto bene. Se nelle precedenti generazioni iPhone e Pixel non erano mai considerati come smartphone alla pari dei competitor per segnale e ricezione telefonica, ora le cose sono cambiate: entrambi sono migliorati tantissimo e seppur non siano ancora perfetti non vi daranno pi noie, soprattutto in viaggio! Pixel 8 passa ad un WiFi 7 portandosi avanti appena inizier ad essere diffuso mentre iPhone 15 Pro passa al WiFi 6E.

Benissimo anche i microfoni, ci troviamo probabilmente di fronte a due dei migliori smartphone con i quali possiate affrontare un concerto e tornare a casa soddisfatti con degli ottimi video(ma fatene pochi e godetevi l’evento mi raccomando!!). Gli speaker sono pressoch sovrapponibili ma iPhone risulta un passo avanti, soprattutto in quelle applicazioni che supportano l’ottimizzazione dell’effetto stereo quando si ruota lo smartphone in orizzontale.

FOTOCAMERA

Arriviamo a parlare di un argomento spinoso: le fotocamere. Vi accenniamo subito al fatto che non troverete molte foto confronto qui dentro poich abbiamo preparato per voi un Blind Test fotografico grazie al quale potete scegliere voiil miglior cameraphone di questo 2023: se non l’avete fatto, correte a votare!

Tornando a noi c’ sicuramente da dire che iPhone 15 Pro Max ha innovato poco, andando praticamente a stravolgere soltanto la lente zoom, che passada una 3X ad una 5X. Vorremmo sottolineare il fatto che ci sia stato un cambiamento e non un miglioramento assoluto poich siamo passati da una lunghezza focale ad un’altra, un vantaggio per chi preferisce i 120mm ma anche uno svantaggio per chi preferivai 77m e la propensione ai ritratti della precedente 3X (ne abbiamo parlato ampiamente nella recensione dedicata). Sarebbe stato gradito il mantenimento di entrambe le focali, in modo da soddisfare chiunque ed avere un miglioramento effettivo.

Visualizza a Schermo Pieno

Lo stesso dicasi per il Pixel 8 Pro che rimane con “solo” tre focali a disposizione e pari all’iPhone su circa 11mm(0.5x), 25mm(1x) e 112mm (5x). Anche in questo caso manca un tele dedicato ai ritratti, anche perch su iPhone possiamo sfruttare la modalit ritratto digitale sia con la 1x che con la 5x, mentre su Pixel siamo forzati ad utilizzare soltanto la fotocamera principale.

Google Pixel 8 Pro ha sicuramente innovato di pi, rispetto alla precedente generazione,grazie ad una ultrawide da 48MP con AF Macro fino a 2cm, una fotocamera principale di dimensioni simili ad iPhone ma con una messa a fuoco pi ravvicinata eun teleobiettivo migliorato rispetto a quello della precedente generazione, sia in autofocus che in luce catturata. La selfie cam finalmente si arricchisce dell’autofocus, proprio come iPhone.

Visualizza a Schermo Pieno

Dettagli tecnici esclusi c’ sicuramente da dire che entrambi sono fantastici cameraphone da punta e scatta con pregi e difetti che si bilanciano perfettamente. Scegliere uno o l’altro spesso mero gusto estetico, non ve lo nascondiamo, e nonostanteiPhone abbia dei colori eun bilanciamento del bianco tendendi al giallognolo non nulla che non si possa correggere in post.

Gi perchessendo due smartphone “Pro” non si pu evitare il discorso RAW, che sia anche frutto di un semplice punta e scatta: iPhone con i suoi ProRAW permette un editing fine con un file di partenza ricchissimo di dettagli e con non troppo rumore. Anche Pixel ha i RAW ed una nuova modalit “manuale” ma il risultato finale non nulla che faccia gridare al miracolo: troppo rumore anche di giorno e file decisamente meno ricchi di informazioni lo pongono uno/due scalini sotto iPhone per chi vuole cimentarsi in una post produzione pi precisa.

Visualizza a Schermo Pieno

Stesso leitmotiv lo si trova nei video, dove per quanto Pixel 8 Pro sia migliorato non raggiunge mai i livelli di iPhone 15 Pro Max. La stabilizzazione sul sensore di seconda gen montata a bordo degli iPhone rimane imbattibile, associata all’EIS (attivo di default) sembra di avere il proprio smartphone su un gimbal invisibile. Il cambio tra le fotocamere di iPhone, nel corso di una registrazione video, risulta decisamente pi naturale, soprattutto se prendiamo in considerazione la registrazione su app terze quali Instagram o Telegram.

Seppur entrambi abbiano una modalit Cinema/Sfocato, il Pixel riesce a riprodurla soltanto con la fotocamera principale e a 1080p, dove iPhone si spinge invece fino al 4K/30fps sia sulla 1X e 5X, sia sulla selfie camera. Proprio parlando di selfie abbastanza evidente come quelli degli iPhone risultino pi naturali, reali ed appaganti alla vista. Le modalit ritratto sono ottime da entrambe le parti ma iPhone ha una maggior malleabilit in post ed un effetto tutto sommato pi naturale. Insomma, non tiriamo una conclusione finale perch vogliamo farlo soltanto dopo i risultati del Blind Test, lanciamo a voi la palla per decidere quale sia il miglior cameraphone del 2023!

ECOSISTEMA ED AGGIORNAMENTI

Ed eccoci arrivati al fulcro del discorso: aggiornamenti ed ecosistema. Abbiamo ormai analizzato ogni minimo aspetto legato all’hardware e quello che ne esce fuori che, ok abbiamo delle piccole differenze ma, mai come quest’anno la differenza sempre meno lampante e tale da far propendere perl’uno o l’altro. Certo Pixel eccelle pi nel display e nelle funzioni AI, come il Magic Editorche abbiamo analizzato nella sua recensione dedicata, ma iPhone dalla sua ha pi in autonomia eun miglior supporto fotografico PRO…ma poi alla fine siamo l.

In questa generazione come non mai il gap stato praticamente colmato, con la scelta che spesso rimane a nostra discrezione e di quale sistema operativo o ecosistema troviamo pi avvezzo al nostro utilizzo. Apple ormai ha un mondo attorno ad iPhone rodato ed ottimizzato:pensiamo alle Airpods o adApple Watch e di quanto sia ancora l’unico smartwatch che pur cambiando pochissimo dalla prima gen, resti un best buy per chi ha uno smartphone “della mela”. Pixel e Google stanno cercando di colmare anche quella distanza ma in realt non ce n’ troppo bisogno poich l’ecosistema Google un po’ tutto l’ecosistema Android.


Certo manca ancora spesso coerenza grafica tra un prodotto e l’altro (spesso anche tra un’app e l’altra) ma pian piano si sta assottigliando anche questo elemento, con per esempio Samsung sempre pi in direzione Material You. Proprio citando Samsung, l’unico player che teneva testa ad Apple per quanto riguardasse gli aggiornamenti, ora si deve guardare le spalle dai Pixel che grazie ai loro sette anni di aggiornamenti totali sono pi agguerriti che mai.

Per quanto infatti si tenda ad associare iPhone e Pixel come i due diretti concorrenti, evidente come in realt il primo punto di riferimento da prendere per Google sia Samsung ed un eventuale sorpasso ad essa.

I sette anni di aggiornamenti faranno sicuramente la differenza e, proprio come fa Apple da anni, permetterannodi valorizzare questi smartphone anche tra uno-due anni, declassandoli magari a medio gamma ma supportandoli ancora appieno. Finalmente comunque Google Wallet, Calendar, Android Auto, Youtube Music, Fitbit e tutte queste app sono ad un livello di qualit alto, paragonabili allecontropartiApple e che quindi permettono di avere una esperienza completa senza dover uscire dal “mondo Google”. Manca forse un piano di abbonamento comune, pensate che per avere Fitbit Premium e Youtube Music premium (l’unica app supportata da fitbit) dobbiamo sborsare 21 al mese.

CONCLUSIONI

Tirare le conclusioni per questo confronto un lavoro abbastanza schematico, poich il succo del discorsorisiede proprio nell’ultimo capitolo affrontato: quello del software e dell’ecosistema. Se si indecisi se comprare iPhone 15 Pro Max o Google Pixel 8 Pro, quest’anno come non mai si fa una sceltalegata a quale interfaccia grafica ci piace di pi, se preferiamo l’Apple Watch/iPad alla miriade di smartwatch e tablet Android e cos via. Per quanto molti prodotti del “mondo Android” in realt siano sempre pi aperti anche a quello iPhone, lo stesso non si pu dire per il contrario, con le Airpods o l’Apple Watch ad esempio che rimangono pressoch delle esclusive.

L’unica fascia di utenza che abbiamo individuato come “ad esclusiva” di iPhone quella dei “Pro-fessionisti”. Gi perch chi cerca un ProRAW, un ProRES con magari una elaborazione con gi LUT applicato, su app come BlackMagic Camera, per forza di cose andr a comprare un iPhone 15 Pro Max, l’unico che ti offre soluzioni del genere al momento. A onor del vero per questa fascia di utenza davvero piccola, con i modelli Pro di iPhone che spesso vengono acquistati da un pubblico pi casual (nel quale potremmo tranquillamente rientrare anche noi che li abbiamo provati e stiamo scrivendo questo articolo).

Google Pixel 8 Pro finalmente esce dal problema di una scheda tecnica troppe volte deludente, nelle precedenti generazioni, ed eccelle addirittura in aspetti come il display, probabilmente il migliore che possiate trovare su smartphone. Simpaticissime le nuove funzioni AI, che per rischiano di finire ben presto nel dimenticatoio, soprattutto dovendo forzatamente passare dal Cloud proprietario per quelle pi interessanti.

Lo scontro pi avvincente forse quello relativo alla qualit fotografica nel punta e scatta, quello che interessa alla maggior parte di voi, e dei video “semplici”, senza formati Pro di mezzo. Se per quanto riguarda i video reputiamo iPhone ancora due scalini sopra, tra miglior stabilizzazione e modalit cinema di altissimo livello, lo stesso non si pu dire per le foto dove Pixel 8 Pro rischia di finire in cima ai migliori smartphone. Per scoprire la veridicit di questa ultima affermazione non resta che aspettare i risultati del Blind Test in modo da valutare il vostro voto ed il nostro!

VIDEO

Apple iPhone 15 Pro Max disponibile online da eBay a 1,630 euro. Il rapporto qualit prezzo discreto ma il miglior dispositivo in questa fascia di prezzo. Per vedere le altre 21 offerte clicca qui.

(aggiornamento del 16 ottobre 2023, ore 19:20)



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%