I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Food

50 milioni per il biscotto perfetto: l’invasione dei Kinderini

today9 Ottobre 2023 6

Sfondo
share close



ll nuovo “oro” dei golosi viene da uno dei marchi italiani più prestigiosi al mondo quando si parla di dolci: la Ferrero. I conti nell’azienda piemontese vanno a gonfie vele (qui i dettagli), con un bilancio consolidato di 14 miliardi di euro, fatturati in crescita del 10%, premio ai dipendenti e investimenti per 800 milioni di euro. 50 dei quali sono andati a far da “caburante” della realizzazione del nuovo biscotto perfetto. Se i Nutella Biscuits quattro anni fa sono stati come un’eruzione vulcanica nella grande distribuzione (nuova tappa del braccio di ferro fra Ferrero e Barilla che aveva osato insidiare la Nutella con la Crema Pan di Stelle) da qualche giorno nella grande distribuzione (e non solo) è in atto l’invasione dei Kinderini. Su cui Ferrero punta moltissimo.

La scommessa: dall’Ovetto al biscotto

Lo spiegamento di mezzi di Ferrero per questo nuovo prodotto è stato imponente: oltre ai milioni investiti, il potenziamento dello stabilimento di Balvano a Potenza con 120 nuovi assunti e un progetto di sviluppo di questo nuovo dolciume, un frollino, che ha richiesto sette anni per il suo perfezionamento. Non si scherza e la Ferrero li dice esplicitamente: punta a farne il biscotto più venduto in Italia e si aspetta di venderne 300 milioni di esemplari solo ne primo anno, in media fanno non meno di 5 Kinderini a testa. Questo il piano “bellico”. Ma cosa sono i Kinderini e di cosa sanno?

Videointervista: come è stata inventata la Nutella

La sfida parte dal “sentore”

L’idea è di replicare per quanto possibile il sapore del celebre Ovetto, dando al frollino la forma ovale e stampandoci sopra decine di espressioni diverse, come se si stesse mangiando una serie infinita di emoj. Il Kinderino è secco e sa di latte in polvere, cioccolato con piccoli inserti cremosi su occhi, sopracciglia dei frollini-emoticon, bocche e “piedi”. Friabile, croccante e non troppo dolce. Insomma, si gioca col sentore di barretta o di Ovetto Kinder anche se i nuovi frollini hanno impatto al gusto differente. E l’espediente delle faccine tutte diverse è fatto apposta per scatenare la caccia a quella che non si è ancora mangiata, divertente per piccini, e pure per adulti che non hanno dimenticato il piccino dentro di sé. Spazzeranno via dal mercato tutti gli altri frollini? E’ una guerra, una dolce guerra, vedremo che esito avrà.

Ferrero, i fratelli Mars e gli altri “paperoni” dei dolciumi mondiali: quanto guadagnano. Lo speciale





.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%