I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Ambiente

L’olio d’oliva aiuta nella cura delle malattie metaboliche

today6 Ottobre 2023 9

Sfondo
share close


L’olio vergine d’oliva può essere un ottimo coadiuvante nelle terapie di alcuno malattie soprattutto metaboliche. È il risultato di uno studio condotto dall’Università di Palermo in collaborazione con l’azienda Barbera e con Nuova Farmaceutica e finanziato con Fondi Ue.

L’azienda siciliana Manfredi Barbera & Figli ha selezionato 3 cultivar di olio di oliva (Biancolilla, Nocellara del Belice e Cerasuola) per valutare per ciascuna cultivar le migliori condizioni di produzione: sito di produzione (mare, collina e montagna), momento di raccolta (inizio ottobre, metà ottobre e fine ottobre) e metodo di frangitura (rulli in pietra, martelli, dischi e denocciolatori).

È stata fatta la caratterizzazione chimica dell’olio, prodotto nelle campagne olearie 2020, 2021 e 2022, con il supporto dei laboratori di ATeN Center (Advanced Technologies Network Center dell’Università di Palermo) per determinare le concentrazioni di tiroloso, idrossitirosolo, oleuropeina e altri polifenoli (circa 15 analiti). I dati sono stati analizzati mediante elaborazione statistica multivariata per valutare le relazioni tra processi produttivi, composizione in polifenoli e gli effetti sulla popolazione analizzata. Sono 350 i campioni di olio Evo analizzati prima di arrivare alla sperimentazione sul campo.

«È stata effettuata una indagine di micro e macrocomponenti dell’olio extravergine di oliva perevidenziare i diversi punti di forza dell’Evo identificando gli elementi attivi, per ottimizzarne il contenuto e finalizzarlo alla produzione di Olii salutistici mirati, ed i fattori produttivi (cultivar, maturazione del frutto, irrigazione, raccolta, processamento, conservazione dell’olio) che influenzano maggiormente la composizione in acidi grassi dell’EVO e dei componenti (polifenoli) minori con riferimento ai claims alimentari indicati dall’Efsa» spiegano i ricercatori. Il contenuto in polifenoli ha poi guidato i ricercatori nella scelta della cultivar e della quantità di olio da somministrare ai soggetti volontari sani ed ai pazienti affetti da sindrome metabolica arruolati nella fase clinica del progetto.

Scopri di più
Scopri di più

Complessivamente sono state coinvolte circa 240 persone: «I risultati ottenuti – spiegano i ricercatori – lasciano trasparire un’ottima risposta benefica all’assunzione giornaliera di una minima quantità di oli ricchi in polifenoli secondo le indicazioni dei claim salutistici e la concentrazione degli acidi grassi insaturi».



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%