I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Food

Florian, Michel e il bonus al personale: “Fino a 17mila euro”

today5 Settembre 2023 1

Sfondo
share close



C’è chi ama tracciare un percorso diverso dalla maggioranza e andare controcorrente. E può permettersi di farlo. E’ il caso di Florian Weber e Michel Plecard che gestiscono una serie di locali e ristoranti dove oltre ad un’ottima paga minima (mai inferiore ai nostri 4mila euro) è stato studiato un sistema di bonus per i dipendenti, a cominciare da cuochi e camerieri, che spinge tutti a dare il massimo per il piacere di vederselo riconosciuto in busta paga. Il meccanismo è semplice e trasparente.

Un bonus sul totale degli incassi mensili

Plecard e Weber gestiscono diversi ristoranti nella zona di Zurigo, lago incluso. Siamo in Svizzera quindi e si potrà facilmente obiettare che lì il tenore di vita e di conseguenza gli stipendi sono molto più alti che da noi. Ma questo non esaurisce la questione. Perché lo stipendio più basso pagato dai due imprenditori della ristorazione sfiora comunque i 3800 euro netti e perché con l’istituzione di un bonus pari all’8% del totale degli incassi mensili, come i due hanno spiegato ai media del loro Paese, “i dipendenti lavorano davvero come se ogni locale fosse anche loro, non solo nostro”. Risultato: “Ormai il nostro staff arriva a guadagnare con regolarità fra gli 8 e i 12mila franchi al mese“. Il bonus record riconosciuto in busta paga ha sfiorato i nostri 17mila euro. In un mese. A persona. Interessante riflettere su questo modello di impresa legata alla ristorazione, perché pur trovandosi nella ricca e agiata Svizzera, Weber e Plecard avevano pure loro difficoltà a trovare personale, come lamentano qui in Italia moltissimi ristoratori.

Borghese, la fuga dalle cucine e gli illusi: “Ecco com’è la vera vita da chef”. Leggi

La soluzione perfetta. Lo è del tutto?

Coinvolgere di più il personale nelle scelte di impresa e nel buon funzionamento della stessa, erogando in cambio generosi bonus. E’ la soluzione perfetta escogitata dai due ristoratori svizzeri. E nessuno dei premiati (che poi sono tutti i lavoratori del loro locali) se ne lamenta. Resta un dubbio sollevato da alcune associazioni sindacali: se basti lavorare al meglio delle proprie possibilità o se oltre ai bonus, si tenda a trasferire il rischio di impresa e i suoi effetti anche sul personale. Ma nel frattempo, la soddisfazione è grande. In un clima di lavoro che pare molto lontano da quello tutto fatica e fuga dei sottopagati che sta segnando la ristorazione italiana. 

Quanto guadagnano cuochi e camerieri in Italia. Tutte le cifre





.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%