I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Ambiente

Allarme peste suina: primo caso in Lombardia

today23 Giugno 2023

Sfondo
share close


La peste suina è arrivata in Lombardia e se non si interviene subito, dicono gli allevatori, sarà una catastrofe nazionale, poiché nella regione si concentra il 50% di tutta la suinicoltura made in Italy. Con il ritrovamento accertato, in queste ore, di una carcassa di cinghiale infetta a Bagnaria (Pavia), zona di produzione del salame Varzi Dop, le associazioni chiedono il rapido intervento da parte delle autorità e in particolare del commissario straordinario, Vincenzo Caputi: «La situazione è gravissima – fa sapere il presidente di Cia Lombardia, Paolo Maccazzola – serve arginare questa piaga prima che si arrivi al blocco della circolazione dei prodotti di derivazione suina. Non possiamo lasciare in mano ai cacciatori e alle guardie forestali tutta la responsabilità del contenimento, sono necessari abbattimenti fatti in maniera mirata e soprattutto in tempi rapidi».

La suinicoltura è un pilastro chiave della zootecnia italiana: dagli allevamenti nazionali dipendono 11 miliardi di fatturato e 70mila addetti nella filiera, che conta 21 Dop e 12 Igp. «L’emergenza cinghiali e il fenomeno della peste suina sono stati per troppo tempo sottovalutati – ha detto il presidente nazionale di Cia, Cristiano Fini – siamo ormai a sette regioni coinvolte, è ora di dire basta a salvaguardia del settore e per tutelare l’export delle produzioni suinicole nazionali. Chiediamo al governo di supportare la struttura commissariale con tutti gli strumenti necessari e di darci finalmente ascolto, riformando la legge 157/92 sulla caccia al cinghiale e i piani di abbattimento».

Anche la Confagricoltura è preoccupata: «Sapevamo che sarebbe stata solo questione di tempo – spiega Alberto Cortesi, presidente di Confagricoltura Mantova – e che il Pavese, confinando con il Piemonte ed essendo estremamente vicino alla Liguria, regioni in cui la Psa è già presente, sarebbe stato il territorio più a rischio. Ben venga l’iniziativa del governo di impiegare anche l’esercito, ma ora è prioritario recuperare ciò che non è stato fatto finora, per evitare danni maggiori».

Scopri di più



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%