I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Ambiente

Sui pesticidi la Commissione Ue chiude la porta agli agricoltori

today22 Giugno 2023 1

Sfondo
share close


Sui pesticidi la Commissione Ue chiude la porta in faccia agli agricoltori europei. Nel supplemento d’analisi elaborato sulla proposta di regolamento non c’è traccia di accoglimento di nessuna delle richieste delle associazioni agricole di tutta Europa. Bruxelles si limita a suggerire che, per ridurre l’utilizzo dei pesticidi, basterà portare la quota di coltivazioni biologiche al 25% del totale: se anche questo non sarà sufficiente, dice la Commissione, bisognerà concentrare i tagli sui settori «non essenziali» alla sicurezza alimentare, come per esempio «il vino o i pomodori».

La Commissione renderà pubblica la sua analisi in concomitanza con il Consiglio dei ministri Ue dell’Agricoltura di lunedì prossimo. Ma una prima bozza è trapelata e le associazioni agricole sono letteralmente rimaste senza parole. «Come si fa a non considerare essenziali due produzioni strategiche per l’economia europea come il comparto vitivinicolo e il pomodoro – si chiede Luca Rigotti, coordinatore settore vino dell’Alleanza delle cooperative – quello del vino è un comparto che crea un indotto enorme, dalla produzione di macchinari al turismo, e si è anche rivelato un settore anticiclico durante i periodi di crisi. Diminuire la produzione europea poi non avrebbe senso perché i consumi di vino certo non diminuirebbero di conseguenza, e questo aprirebbe il mercato a produzioni extra-Ue non necessariamente più sostenibili di quelle europee».

Così come è scritta adesso, la proposta di regolamento avanzata dalla Commissione prevede, entro il 2030, un abbattimento dell’uso di pesticidi del 50% in media, ma nel caso specifico dell’Italia di oltre il 60%. Raggiungere questi obbiettivi ambiziosi in tempi così rapidi e puntando tutto sull’aumento della quota di biologico, per gli agricoltori semplicemente non è realistico: «Oggi il mercato del bio è in grande affanno – dice Davide Vernocchi, coordinatore ortofrutticolo dell’Alleanza – salvo qualche nicchia, la frutta fresca bio e quella trasformata non registrano nessun aumento della quota di consumi. Oltretutto, i prezzi si stanno livellando su quelli delle produzioni convenzionali e molti produttori preferiscono uscire dal mercato: con rese che mediamente sono del 30% minori, se non si riesce più ad alzare il prezzo di vendita finisce che un agricoltore va in perdita».

Oltre al ripiego sul bio, Vernocchi contesta anche la mancanza di una definizione chiara, nel testo della Commissione, del concetto di «aree sensibili», dove non sarà possibile l’uso dei pesticidi: «Se oltre ai parchi pubblici vengono per esempio inseriti anche i terreni attraversati dalle piste ciclabili, viene fuori quello che avevamo previsto in molti dei nostri studi: che in Veneto il divieto della chimica sarebbe esteso al 90% del territorio e in Lombardia e in Emilia-Romagna all’80%».

Scopri di più



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%