I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Music

Carla Fracci: l’omaggio

today4 Giugno 2023 1

Sfondo
share close

Carla Fracci era nata a Milano il 20 agosto del 1936 e ci ha lasciati il 27 maggio 2021.

Grande è stato il dolore nel mondo della danza e non solo per questa artista leggendaria, definita dal New York Times «prima ballerina assoluta».

Carla Fracci era di origini modeste: papà tranviere, mamma operaia alla Innocenti. E fu grazie agli amici del padre che la piccola Carla si avvicinò ala danza, come ha raccontato al Giornale OFF: «Il mio approccio alla danza fu del tutto casuale. Alcuni amici dei miei genitori mi videro ballare il valzer, riconobbero che avevo un senso della musica particolare. Proposero ai miei genitori di mandarmi alla scuola di danza del Teatro alla Scala, che faceva le audizioni. La scuola era gratuita, mio padre era un tranviere scampato dalla guerra di Russia, non se la sarebbe potuta permettere altrimenti. Così mi trovai per la prima volta in un teatro. La direttrice, severissima, mi inserì, dopo le selezioni, nel gruppo delle ballerine da rivedere:”è molto fragile, ma ha un bel faccino”, disse. Così mi presero. S’immagini che volevo fare la parrucchiera…».

La giovane Carla si diplomò nel 1954. Dopo due anni diviene danzatrice solista, quindi prima ballerina nel 1958. E la sua carriera sbocciò, al punto che una volta dichiarò al Corriere della Sera: «Ho incontrato tutti, da Chaplin alla regina Elisabetta. Sono stata fortunata: tanta danza, ma anche prosa, cinema, fiction».  

Carla Fracci ha ballato nei principali teatri, con le più celebri compagnie di ballo (London Festival Ballet, Royal Ballet, Stuttgard Ballet, Royal Swedish Ballet, American Ballet Theater) e con i ballerini più leggendari (Rudolf Nureyev, Vladimir Vasiliev, Henning Kronstam, Mikhail Baryshnikov, Amedeo Amodio, Paolo Bortoluzzi, Roberto Bolle). Tra le sue interpretazioni indimenticabili “Romeo e Giulietta” di Prokofiev, “Pelléas et Mélisande”, “La sylphide” e “Il lago dei cigni”. Spesso a dirigerla era il marito Beppe Menegatti, da cui Carla ha avuto il figlio Francesco.

La ricordiamo sempre vestita di bianco. E Carla stessa ne aveva spiegato il motivo, al Corriere della Sera: «Cominciai durante la gravidanza, nel 1969. Avevo pochissima pancia ma cercavo un modo per accentuare ancora di più la riservatezza di quel momento. Il bianco come discrezione, insomma. C’è una fotografia che mi ritrae a luglio, a Forte dei Marmi, con pantaloni e chemisier immacolati, accanto a Eugenio Montale».

Carla Fracci è stata Ambasciatrice di buona volontà della FAO e Ambasciatrice di Expo Milano 2015. Ma l’omaggio più bello è la poesia che le dedicò Eugenio Montale, “La danzatrice stanca”.

(Foto Getty Images)

.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%