I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Food

Salt Bae: lussi, denaro, cibo come show e prezzi assurdi. Ma ora arrivano le denunce

today19 Maggio 2023

Sfondo
share close

Maltrattamenti, pressioni sessuali sulle dipendenti, discriminazioni in base al Paese di provenienza e al “gender”. In nove contro il cuoco-macellaio star

To view this video please enable JavaScript, and consider upgrading to a web browser that supports HTML5 video

Carne coperta d’oro, tagli esclusivi, lui che esce in mezzo ai tavoli come si fa su un red carpet di Hollywood e ti imbocca personalmente, infilandoti con un coltello affilato un pezzo delle sue carni pregiate nella bocca. Conti astronomici, cucina come show, lamentele e dibattiti. E imminente apertura a Milano. Salt Bae lo “chef della carne”, il macellaio e cuoco superstar che ha saputo costruire abilmente costuire il proprio personaggio tra eventi e social. Della sua ascesa abbiamo scritto qui, e qui di come Leonardo Pieraccioni abbia preso in giro il suo gesto di farsi scendere il sale per l’avambraccio e le voci astronomiche del conto finale. Ma ora arrivano le denunce.

“Razzismo e maltrattamenti”

A raccogliere le voci di nove dipendenti di Salt Bae è stato Business Insider (leggi qui). Uno degli ex dipendenti è Angelo Maher, che protestò per il trattamento preferenziale che Bae riservava al personale di nazionalità turca, come è lui, a dispetto degli altri. Maher, latino, ha parlato di licenziamento improvviso durante la pandemia senza più essere stato reintegrato, forse perché si era lamentato di come cambiassero drasticamente i modi del titolare a seconda della nazionalità dei dipendenti. Elizabeth Cruz, che lavorava nel bar del locale a New York di Salt Bae, dovette sopportare continue richieste di scoprire il seno e di rendere sempre più evidenti le sue forme. “Tanto lo so che voi dominicane siete così, lo è anche mia moglie” sarebbero le parole che secondo la Cruz il macellaio-star gli avrebbe rivolto. Una terza voce è quella di Melissa Compere, discriminata e poi fatta fuori a causa del suo gender. Dove ci sono soldi, prestigio, aspettative, si sa, le voci vanno ascoltate tutte e si aspettano le prove. Nel mentre si apre una breccia nel mondo esagerato e fiabesco di Salt Bae. 

 

Fonte

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%