I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Ambiente

Un anno di crisi? Il Brasile ci ha guadagnato più dell’Italia

today17 Aprile 2023

Sfondo
share close

Un anno di fiammata dei prezzi ha favorito gli esportatori di materie prime agricole e ha penalizzato i Paesi trasformatori. Il risultato? È che il Brasile ha ottenuto un surplus nella bilancia commerciale agroalimentare di 113 miliardi di euro contro i 73 dell’anno precedente, mentre l’Italia è passata dai 4 miliardi di euro di avanzo del 2021 a 1,4 miliardi di euro di disavanzo nel 2022. I dati arrivano da Nomisma, che li ha elaborati in collaborazione con Crif in occasione del VII Forum Agrifood Monitor .

Il Brasile è dunque il Paese che ha guadagnato di più dalle tensioni geopolitiche e dalle avversità climatiche che hanno condizionato lo scenario globale dell’ultimo anno. Il valore del suo export agroalimentare è cresciuto di oltre il 50%, più di 126 miliardi di euro, secondo posto assoluto dopo gli Usa. Lo scatto in avanti è stato soprattutto del mais (+230%), per il quale l’Italia invece ha registrato nello stesso anno un raccolto più basso del 24% rispetto alla media 2017-2019.

Oltre che per il granoturco, il nostro Paese non è autosufficiente anche per il frumento, l’orzo, la soia, gli oli vegetali, lo zucchero e la frutta a guscio. , il fabbisogno risulta superiore alla produzione nazionale. Per quanto il 57% dell’import agricolo nazionale derivi dall’Unione europea, per alcuni prodotti primari la dipendenza da aree extra-comunitarie è ancora alta, in particolare soia, olio di girasole e grano duro. «L’attuale situazione geopolitica – Denis Pantini, responsabile agroalimentare di Nomisma – porterà nei prossimi anni a rafforzare i legami e gli scambi commerciali tra blocchi di paesi amici. L’obiettivo sarà quello di ridurre il rischio di rotture nelle catene di approvvigionamento che da due anni a questa parte hanno generato aumenti nei costi di produzione delle imprese e fiammate inflattive nei prezzi al consumo di generi alimentari, con effetti a cascata sul carrello della spesa degli italiani».

Scopri di più
Fonte

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%