I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Gaming

Apple dovrebbe fare un rebranding secondo Ken Segall, lo storico Global Creative Director dell’azienda

today22 Maggio 2024

Sfondo
share close


Il creativo dietro il famoso prefisso “i” di Apple, Ken Segall, ora propone un rebranding per meglio rappresentare le innovazioni in corso e la dinamica evolutiva dei prodotti dell’azienda.

Ken Segall, ex Direttore Creativo di Apple

Ken Segall, il genio creativo dietro il prefisso “i” nei nomi dei prodotti Apple, ritiene che sia giunto il momento di un cambiamento significativo. Nominato da Steve Jobs come direttore creativo dell’agenzia pubblicitaria di Apple durante l’era NeXT, Segall è stato fondamentale in molte campagne iconiche di Apple, tra cui il famoso spot “Crazy Ones” e lo slogan “Think Different”. Tuttavia, il suo contributo più duraturo al branding di Apple è senza dubbio il prefisso “i”, che ha definito la linea di prodotti dell’azienda sin dall’introduzione dell’iMac nel 1998.

Cosa significa quella i davanti a iPhone, iPad e iMac?

La presentazione del primo iPhone.
La presentazione del primo iPhone.

Il prefisso “i” nei nomi dei prodotti Apple inizialmente rappresentava individualità, internet, informazione e ispirazione, incarnando l’essenza di ciò che Apple voleva offrire. Questa strategia di branding è stata un enorme successo e ha stabilito la tendenza per i successivi prodotti come l’iPod, l’iPad e l’iPhone. Tuttavia, Segall ora crede che il prefisso “i” abbia perso il suo significato e non rappresenti più l’innovazione all’avanguardia che Apple incarna.

Segall ha espresso le sue idee sul motivo per cui Apple dovrebbe considerare una nuova identità di marca. Ha dichiarato: “Il prefisso ‘i’ deve sparire. Ora è senza significato. Certo, [Jobs] ha costruito [Apple] intorno a esso, ma ricordate, il ‘i’ è sempre stato un sottomarchio. Ci potrebbero essere esperti di marketing che dicono che Apple sarebbe folle a lasciar cadere il prefisso, ma non può essere protetto, e per troppo tempo ci sono state aziende con cose connesse a internet che iniziano con ‘i’, e questo è un problema per Apple, nota per l’innovazione.”

Il futuro di Apple

Apple TV originariamente si chiamava iTV.
Apple TV originariamente si chiamava iTV.

Le parole di Segall non sono illogiche: se ci pensiamo, Apple ha gradualmente iniziato a allontanarsi dal prefisso “i” dal 2007, a partire dall’Apple TV, che inizialmente doveva essere chiamata iTV. Questo cambiamento è diventato più intenzionale con l’introduzione di prodotti come l’Apple Watch e l’Apple Vision Pro, riflettendo una nuova direzione nella strategia di branding di Apple.

La decisione di abbandonare il prefisso “i” però non è priva di rischi. Apple ha costruito una forte identità di marca e una fidelizzazione dei clienti nel corso degli anni, e qualsiasi cambiamento drastico potrebbe potenzialmente alienare la sua base di clienti fedeli. Tuttavia, se gestito con cura, questo rebranding potrebbe aiutare Apple a rappresentare meglio l’era attuale e la nuova generazione di utenti.





.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%