I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Spettacoli

‘Abusi e molestie’, dichiarazioni Peparini fanno discutere, la reazione di coreografi e danzatori

today17 Maggio 2024 3

Sfondo
share close



“Abusi, molestie e soprattutto omertà nel mondo della danza”. Parole dure, da parte di Giuliano Peparini massimo coreografo e regista, ‘stella’ del Ballet National de Marseille, ‘anima’ del Cirque du Soleil, volto noto e amatissimo di ‘Amici’. La sua sincerità disarmante e la sue ‘verità’ hanno scatenato reazioni nel mondo della danza. Giorgio Mancini, straordinario danzatore in forza nel Ballet du XX Siècle di Maurice Béjart e oggi coreografo e maestro acclamato dichiara all’Adnkronos: “Ho vissuto in un’altra epoca. Non si parlava di abusi e soprusi. Quando sono entrato in compagnia con Béjart ero maggiorenne, sapevo che era un uomo che si innamorava facilmente. Ci sono state delle attenzioni nei miei confronti. Ma ero libero di scegliere… se accettare o meno, non era assolutamente un obbligo. Oggi c’è maggiore cautela – prosegue- a volte si tratta, forse, di ‘abusi’ psicologici. Ma la danza ha regole ferree, se un ragazzo non è portato meglio bocciarlo a scuola che ferirlo”.

Secondo Giorgio Mancini non bisogna però superare i limiti, alcune volte del ridicolo e del moralismo imperante. “Ci sono grandi maestri che sono stati cacciati con le accuse di molestie, come il grande Peter Martins, direttore del New York City Ballet, a cui hanno distrutto una carriera o il coreografo Liam Scarlet, star del Royal Ballet, che si è suicidato. Ho saputo che a New York in una compagnia alcuni danzatori indossano dei braccialetti. Celeste se i professori possono accostarsi e correggere l’allievo durante le lezioni, rosso in caso contrario. Il problema è complesso – conclude ma non si risolve costruendo muri o barriere”.

Luciano Cannito, regista, coreografo, alla guida dell’Accademia internazionale di Arti Performative ‘Art Center’ di Roma, non ha dubbi. “Le parole di Giuliano Peparini sono fortemente accusatorie, ma si tratta di esperienze personali. Parla di ‘abusi, molestie’, situazioni rare nel mondo della danza, a mio avviso, ma possono accadere anche in altri campi. Guai a creare ansie, timori – prosegue- non trasformiamo il corpo in peccato o tabù. Nella mia Accademia tutti gli insegnanti firmano un codice etico. Se ci sono comportamenti non idonei, vengono allontanati”.

Francesco Vantaggio danzatore nel corpo di ballo dell’Opera di Parigi e oggi insegnante nella Scuola del Teatro dell’Opera di Roma, dichiara: “Non ricordo di situazioni particolarmente sgradevoli nei confronti di noi giovani danzatori in compagnia all’Opéra Garnier, anche se in un universo, con una maggiore facilità di scambi e rapporti, si potevano creare situazioni ambigue. Ma forse – aggiunge Vantaggio – alla nostra giovane età e forse per incoscienza non ci rendevamo conto di quello che accadeva intorno a noi. A volte si creava un certo ‘feeling’ con alcuni maestri, per ammirazione, stima, rispetto. Mai subito, comunque, avances”.

Anche il collega Alessio Carbone ‘premier danseur’ all’Opéra di Parigi, confessa all’Adnkronos, che “negli anni trascorsi a Parigi, non ho mai subito particolari ‘attenzioni’ da parte dei maestri. Ricordo forse la ‘tensione’ e lo stress psicologico di essere uno dei tre italiani, su 160 ballerini francesi. E’ come se volessi rubare loro il mestiere, ma non era così. Quando dichiarato da Giuliano Peparini non lascia indifferenti, fa pensare. Io parlerei, non tanto di abusi o di maltrattamenti, ma di pressioni psicologiche. Ricordo i pianti di mia sorella Beatrice, anche lei danzatrice, costretta a diete ferree prima di poter salire sul palco, ma fa parte del gioco. Il corpo è il nostro strumento e bisogna rispettare dei codici. Ricordo anche alcune situazioni che a distanza di tempo fanno sorridere e che forse ho anche minimizzato- conclude Alessio Carbone- Un maestro russo quando si adirava inveiva contro di noi con parole tremende e subito dopo cominciava a tirare le sedie. Ma eravamo diventati bravissimi ad intercettarli e schivarle”.



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%