I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Gaming

Xbox può raggiungere il successo, ma ha bisogno di grandi giochi, per l’ex presidente di Blizzard

today11 Maggio 2024 14

Sfondo
share close


Tramite un lungo e interessantissimo post pubblicato su X, Mike Ybarra, l’ex presidente di Blizzard, ha detto la sua sulle ultime notizie riguardanti Xbox, le sensazioni negative da parte della community e le indiscrezioni emerse dai report di testate come Bloomberg e The Verge, spiegando inoltre che Microsoft Gaming ha tutte le carte in regola per ottenere successo, come ecosistema o come publisher multipiattaforma, cosa che a suo avviso potrebbe accadere solo a patto di realizzare giochi di grandissima qualità a ritmo regolare.

Per prima cosa Ybarra ha parlato del recente report di IGN, dove due fonti hanno dichiarato che la dirigenza ai vertici di Microsoft stanno scavalcando le decisioni di Phil Spencer e facendo pressioni per ridurre i costi della divisione Xbox.

“Xbox è sempre stata responsabile della propria attività. Anche quando era piccola o in perdita, la pressione esiste ed esisterà sempre. Oggi vedo alcuni articoli con ex dipendenti Xbox anonimi che parlano del CdA… Non lo vedo come “il Consiglio” che fa qualcosa di diverso. Non è suo compito quello di fare da operatori che dicono alle unità aziendali e ai team cosa fare giorno per giorno. Certo, la pressione e le posta in gioco sono sempre alte e diventano solo più alte man mano che cresci. Non ho mai visto Satya imporre qualcosa dall’alto verso il basso – lui fa domande e spinge, ma dà potere ai suoi team. È un leader fantastico.”

Senza grandi giochi l’hardware non si vende e il Game Pass ristagna

Successivamente l’ex presidente di Blizzard ha parlato delle attuali condizioni del mercato, dell’operato di Xbox nel settore e di come per ottenere risultati positivi servono grandi giochi a ritmi costanti, obiettivo che a suo avviso al momento non si sta concretizzando ma che è alla portata della compagnia, grazie all’elevato numero di team dal grande talento sotto la sua ala.

“L’idea che ‘il mercato non sta crescendo’ è una scusa dei PR. Come team, è tuo compito guidare la tua crescita anche se il mercato non sta crescendo al ritmo previsto. Credo piuttosto che il problema sia che ‘la strategia non sta funzionando come previsto’. Il che va bene – le strategie devono cambiare continuamente in un mercato che si muove velocemente come quello dei giochi.”

Tutto si riduce a fare grandi giochi. Se fai grandi giochi, la domanda dei consumatori seguirà e la tua attività può andare bene anche negli anni di bassa crescita del mercato. Un grande gioco è un generatore di profitto da 500 milioni a 1 miliardo di dollari per l’azienda (attraverso le piattaforme). Data la dimensione degli studi, devi arrivare a un mondo in cui alcuni dei team stanno raggiungendo questo risultato con il giusto ritmo (non hai bisogno che tutti i tuoi studi facciano giochi grandi e enormi… e non dovresti, poiché il profilo di rischio è troppo grande). Dopotutto, la tua base di installazione è grande in questo momento dato dove siamo in questa generazione di console (e ovviamente grande anche su PC) quindi esiste l’opportunità per il successo.

“Se non stai facendo grandi giochi, allora il tuo hardware non si vende e il tuo abbonamento sta stagnando… la chiarezza della strategia o dell’esecuzione è rotta da qualche parte e deve essere riparata, assicurando la garanzia della leadership e della capacità del team di guidare un grande crescita e sviluppo di giochi. Al 100% Xbox ha team che possono fare grandi giochi. Semplicemente non sta accadendo costantemente.”

Xbox deve puntare a diventare un grande ecosistema… o un grande publisher

Mike Ybarra, l'ex presidente di Blizzard
Mike Ybarra, l’ex presidente di Blizzard

Secondo Ybarra, Xbox ha davanti a sé due strade: prendere grandi rischi investendo su Game Pass, hardware e prodotti esclusivi, oppure diventare un grande publisher multipiattaforma. In entrambi i casi servono, come già ribadito, grandi giochi a ritmi costanti e una comunicazione chiara nei confronti dei giocatori.

“Vedo due percorsi qui: se la tua Stella Polare è l’abbonamento a Game Pass, devi renderlo esclusivo per i tuoi servizi e Hardware e impegnarti completamente attraverso giochi, Hardware e servizi in un piano esclusivo dove punti forte. Pompare regolarmente giochi valutazioni sopra il 90 porterà affinità e soddisfazione dei consumatori. Detto questo, è una strategia ad alto rischio/alto rendimento e richiede un forte desiderio di vincere. ”

“Se non sei disposto a farlo, allora sei su un altro percorso: sei un publisher su tutti i dispositivi e devi abbracciare questo al 100% ed essere chiaro (probabilmente significa uscire dal mercato hardware, credo fondamentalmente che se non hai un ottimo contenuto esclusivo il tuo hardware è condannato perché le persone non capiranno perché ne hanno bisogno).”

“Essere il più grande editore di giochi al mondo è un ottimo punto di partenza – purché tu possa fare grandi giochi. Se non puoi, tornerai da dove hai iniziato. Devi scegliere la tua corsia e andare forte per il successo, con una comunicazione chiara ai tuoi giocatori. Se giochi nel mezzo di questi due percorsi, secondo me danneggerai i tuoi team e avrai un costante turnover e caos. Inizia e finisce con un forte desiderio di vincere e fare grandi giochi che superano le aspettative dei giocatori. Questo è ciò che è fragile al momento e deve essere affrontato il prima possibile.”

Infine, Ybarra ha anche un consiglio per i giocatori, ovvero quello di continuare ad avere fede in Xbox, ma al tempo stesso chiedere chiarezza su quale siano i piani futuri della compagnia, per poi tirare le dovute conclusioni.

“Queste sono tutte decisioni difficili, certamente non è un compito facile data la situazione attuale, e entrambi i percorsi hanno implicazioni drammatiche. Ma credo fondamentalmente in Xbox, nei suoi fan e nell’opportunità che si prospetta per un ottimi hardware, servizi e giochi. O come editore di giochi e servizi su qualsiasi schermo. Tifo per Xbox e mi fa male vedere tutto questo vortice negativo. Quindi, per coloro che chiedono, mantenete la fede in Xbox ma chiedete chiarezza su quale sia il percorso futuro per il marchio e il prodotto. Poi prendete la vostra decisione su ciò che è meglio per voi e il vostro tempo e denaro preziosi.”





.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%