I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Tecnologia

una bella sorpresa per un prodotto centrato

today2 Maggio 2024

Sfondo
share close


Pochi giorni fa vi ho parlato delle Earpods, auricolari a filo che per rapporto qualità prezzo sono da considerare uno dei migliori acquisti Apple che si possono fare. In quella recensione vi ho anche detto che utilizzo cuffie wireless di tantissime aziende e nell’ultimo mese ho affrontato tantissimi viaggi e allenamenti con le nuove Moto Buds+, un prodotto che mi è piaciuto e che si posiziona in un mercato molto concorrenziale con infinite soluzioni diverse.

Motorola con le Moto Buds+ riesce ad offrire qualità, autonomia e un mix vincente tra posizionamento, estetica, piacevolezza d’uso e completezza hardware. Ecco quindi la nostra recensione.

PICCOLE E RUFFIANE!

Inizio subito da un elemento che reputo fondamentale sia nella scelta di una cuffia auricolare wireless, sia nella valutazione dello stesso: la dimensione del case. Sebbene possa sembrare qualcosa di puramente estetico e non legato alla qualità stessa del prodotto, un case troppo grande non sta in tasca e rende molto scomodo l’utilizzo delle cuffie in mobilità. Inoltre ci sono alcune custodie che tendono ad aprirsi molto facilmente o che hanno forme troppo tozze tanto da risultare scomode.

Buds+ hanno un case dalla forma praticamente perfetta: piccolo, stondato ai lati, sottile quanto serve e con un’apertura che non è ne troppo dure ne troppo morbida. Ovviamente Type-C e ovviamente con ricarica Wireless visto il posizionamento di prezzo oltre i 100€.

Apprezzo anche la presenza di un LED RGB esterno per controllare stato della batteria/ricarica e connessione e ben posizionato il tasto di pairing del prodotto: c’è, e questo non è scontato visto che alcune soluzioni di altri brand non hanno il tasto di accoppiamento, ed è all’interno del case e quindi impossibile da premere involontariamente se mettiamo la cuffia in borsa o con altri oggetti.

Motorola ha poi reso questo gadget “ruffiano”, ovvero lo ha dotato del marchio Bose che, oltre a renderlo più accattivante per un pubblico generalista, garantisce un’enfatizzazione dei bassi non comune e tantissime personalizzazioni all’interno dell’applicazione.

INDOSSABILITA, QUALITA AUDIO E ANC

Un altro aspetto che valuto nella scelta di una cuffia auricolare wireless riguarda l’indossabilità, la comodità all’orecchio e anche l’estetica della cuffietta. Tra le mille alternative, per esempio, non apprezzo le cuffie che escono molto dal profilo dell’orecchio e che spesso non presentano neanche l’asticella con il microfono.

Le Buds+ le considero un classico e un prodotto premium che va ad imitare la forma di altri marchi come AirPods e le tante Huawei per fare due esempi molto comuni. Il modello nero che ho, si inserisce benissimo nell’orecchio e ha una forma che permette di mantenerli sempre ben in posizione, anche durante lo sport.

In un mese di prove le ho usate moltissimo per correre e ho trovato proprio in questo contesto un mix praticamente perfetto: il volume è molto alto, i bassi sono ottimi e soprattutto gli auricolari non cadono mai (usate il gommino che vi calza meglio sfruttando anche il test indossabilità interno dell’app). Inoltre l’ANC ha vari livelli che permettono di avere un settaggio eccellente per non sentire troppi rumori esterni ma allo stesso tempo non rimanere totalmente isolati dal traffico, macchine e magari pericoli vicini.

Proprio l’ANC mi ha convinto: ci sono diverse regolazioni che possono essere fatte direttamente tramite applicazione e che sono tutte molto efficaci con differenza assolutamente apprezzabili. Il mio test classico per provare la massima soppressione dei suoni è quello in aereo – dove sono ora e da dove sto scrivendo questa recensione.

L’isolamento che si ha in aereo con musica attiva in cuffia tramite Spotify, è massimo e addirittura le cuffie riescono a tagliare il 90% del volume degli annunci dell’equipaggio che, come molti sapranno, sono decisamente squillanti. Dunque potrete sentire senza problemi la vostra musica o il vostro film/serie senza essere disturbati dagli annunci in volo. Se non avete nessun elemento multimediale in riproduzione, l’ANC dimezza circa il volume/disturbo degli annunci stessi.

Al tempo stesso, probabilmente grazie anche ad un’apertura nell’auricolare stesso, l’isolamento non crea importanti differenze di pressione e vuoi per la forma, per la dimensione o per questo motivo, anche dopo due ore di volo non ho sentito troppi fastidi ma solo un leggero “affaticamento” dell’orecchio considerabile normale per la tipologia di cuffietta in-ear.

A differenza delle cuffiette a filo che ho citato ad inizio articolo, l’ANC è un valore aggiunto notevole, il volume è più alto e i bassi nettamente migliori. Siamo ad una qualità generale simile ad alternative della stessa fascia di prezzo e questo è sicuramente un bene visto che Motorola non è ancora molto nota in questo settore.

CHIAMATE e AUTONOMIA

Parlando di qualità audio, non posso non soffermarmi sulle chiamate. Se infatti bassi, volume ed equalizzazione sono ottimi, personalizzabili e gestibili dall’utente, dall’altra parte la qualità dei microfoni in chiamata soffre delle classiche problematiche di questa tipologia di prodotti. Sebbene una conversazione sia assolutamente gestibile, il timbro della voce è un pelo troppo piatto, leggermente metallico e poco profondo, caldo. Caratteristiche che ritroviamo in tanti competitor, anche di fascia superiore e che non devono sorprendere. Di fatto per chi fa moltissime chiamate, le cuffie a filo sono sempre la soluzione migliore a livello qualitativo, ma AirPods per utenti Apple e le Huawei top di gamma rimangono ancora le migliori sul podio.

Buds+ si difendono bene ma non sorprendono per il solo aspetto telefonico/chiamate. Ottima invece l’autonomia che permette di avere tante ore di ascolto che possono essere triplicate grazie al case che contiene una batteria in grado di dare altre 3 cicli di “vita” agli auricolari.

APPLICAZIONE e GESTI

Una delle caratteristiche che mi ha lasciato sorpreso positivamente riguarda l’applicazione ufficiale per la gestione delle cuffie. Oltre ad essere fatta bene, si adatta a qualunque display, fold compresi è molto chiara e semplice e permette di modificare tantissimi aspetti.

Oltre alle opzioni per la gestione dell’ANC troviamo tutte le possibilità per la gestione dell’equalizzazione audio: preset per dare enfasi ai bassi, alla voce o profili flat ma anche un’opzione completamente personalizzabile dall’utente che potrete divertirvi a impostare.

Tante le gesture disponibili che possono essere modificate per singolo auricolare. Unica nota, manca la regolazione volume tramite uno slide sulla cuffia: regolazione però possibile tramite tap personalizzabili. Insomma, questione di abitudine.

Bene anche la parte connessione: sia Android sia Windows rilevano automaticamente il prodotto appena aprite il case per una connessione immediata. Ovviamente potete effettuare l’accoppiamento manualmente premendo il tasto interno alla custodia. L’interfaccia Android è completa con notifica dello stato della batteria e connessione presente e togliendo le cuffie dall’orecchio potete decidere di interrompere la riproduzione multimediale.

Fondamentale e ovviamente presente, la possibilità di utilizzare due prodotti contemporaneamente con una connessione simultanea che vi permetterà, per esempio, di avere cellulare e PC connessi e di sentire senza dover fare assolutamente nulla, l’audio del computer o del telefono in cuffia a seconda della fonte attiva in quel momento.

Non mancano poi altre funzionalità che potete vedere nelle immagini ma che considero “minori” e che quindi non elenco o spiego per brevità generale.

SCHEDA TECNICA

CONCLUSIONI

Moto Buds+ sono un prodotto che si inserisce perfettamente nel mercato sia per qualità generale, sia per posizionamento di prezzo. In promozione a 129€ sono un acquisto consigliabile a tutti coloro che fanno sport, viaggiano molto, vogliono volumi molto alti, bassi importanti e un ANC in grado di tagliare la maggior parte dei rumori esterni. Meno consigliate per le sole chiamate, permettono comunque di comunicare senza rinunce reali.

Mi sono piaciute per forma, dimensione, indossabilità, applicazione e mix generale. Magari oltre al nero e al “sabbia” qualche colore che possa fare il “paio” con quelli della gamma Edge 50 non sarebbe male!

IN CHIAMATA NON SONO LE MIGLIORI IN ASSOLUTOCONTROLLO VOLUME CON TAP E NON CON GESTULE TOUCH

USA IL CODICE SCONTO budspromo PER COMPRARLE A 129,90€ – LINK

Alternativa Amazon ma prezzo “alto” al momento della recensione:



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%