I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Spettacoli

E’ proprietaria del format, deve tutelarlo

today19 Aprile 2024 31

Sfondo
share close



La Rai non può permettersi di perdere il game show ‘I Soliti Ignoti’ a vantaggio del Nove, dal momento che è proprietaria dei diritti sul format dal 1991. Ne è convinto il Codacons che, in seguito agli insistenti rumors di stampa su un possibile trasloco del format a Discovery, dove tornerebbe nelle mani di Amadeus, insieme all’Associazione Utenti Radio e Tv ha presentato una diffida formale alla Rai. L’intento, spiega il Codacons nel documento che l’Adnkronos ha visionato in anteprima, è quello di “verificare/vigilare/monitorare le notizie sin qui trapelate” dal momento che “se tutto quanto esposto corrispondesse al vero si verificherebbe la sottrazione di un format Rai al legittimo titolare, ricordando come la Rai sembrerebbe detenere la proprietà del format del programma già dal 1991”.

Nello specifico, il Codacons riporta nel documento diversi articoli di stampa che evidenzierebbero l’eventualità ipotetica che Amadeus porti con sé al Nove il game show. “Sulla scia delle prime notizie trapelate sui vari articoli di stampa, sembrerebbe emergere come con il passaggio del conduttore televisivo Amedeo Umberto Rita Sebastiani, pseudonimo di Amadeus, al gruppo Warner Bros. Discovery, quest’ultima potrebbe acquisire i diritti in scadenza del game show ‘Soliti ignoti'”, scrive l’associazione dei consumatori. “Se quanto trapelato dalle prime notizie di stampa corrispondesse al vero, a parere di chi scrive, si potrebbe arrivare a verificare la sottrazione di un format Rai al legittimo titolare”, osserva il Codacons.

Che spiega i motivi per i quali la tv di Stato dovrebbe ritenersi proprietaria esclusiva del programma ‘I Soliti Ignoti’. “Nel settembre del 1991 -scrive il Codacons – nel corso del programma ‘La Vela d’oro’, Galà per la presentazione del palinsesto Rai, il conduttore Pippo Baudo, su Raitre, illustrò le principali novità e idee del nuovo palinsesto. In tale contesto si propose l’idea, ascrivibile al sig. Gianni Ippoliti, di un quiz caratterizzato dalla natura fisiognomica, ovvero un format in cui si richiedeva al concorrente di indovinare il lavoro di una persona utilizzando esclusivamente l’osservazione. Si trattava di un primo, seppur embrionale, format di gioco a quiz basato sull’osservazione e, cosa importantissima, di produzione tutta interna alla Rai. La Rai quindi ha acquistato i diritti del format dalla società olandese Endemol, ma anni prima Gianni Ippoliti aveva ideato un format identico proprio per la Rai, che ne detiene quindi i diritti”.

C’è poi, rivela il Codacons, un ulteriore elemento che renderebbe il format Rai originale rispetto a quello che l’azienda acquistò da Endemol. “Nell’acquisto della licenza del format americano non sembrerebbe essere presente la figura del ‘parente misterioso’ -spiega il Codacons nel documento visionato dall’Adnkronos- Elemento che, invece, era originariamente presente nel game andato in onda a ‘Girone all’italiana’. Difatti, quest’ultima parte del gioco non risulterebbe essere presente nel format americano che Endemol vendette alla Rai, e successivamente aggiunto nelle ultime edizioni dei ‘Soliti ignoti'”.

Ciò detto, per il Codacons sarebbe “fondamentale” che “la stessa Rai provveda, nel pieno rispetto della verità, dell’importanza della tutela, protezione e valorizzazione delle produzioni interne ed al fine di assicurare tutela tanto ad essa quanto ad un suo artista, oltre che a tutti gli utenti che pagano un canone ed esigono che la concessionaria beneficiaria adotti comportamenti virtuosi e non di spreco”. Contestualmente alla diffida, l’associazione dei consumatori e Assourt chiedono “di avviare il necessario procedimento istruttorio e di monitoraggio, al fine di accertare se con riferimento alle fattispecie esposte possano configurarsi sprechi di denaro pubblico a danno della collettività”.



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%