I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Music

“Carmen” di Damiano Michieletto alla Royal Opera House

today18 Aprile 2024 34

Sfondo
share close


Lo vedremo alla Scala nella prossima Stagione questo allestimento di “Carmen” che ha debuttato alla Royal Opera House con la regia di Damiano Michieletto. Primo incontro del regista – e dei suoi consolidati collaboratori Paolo Fantin (scene), Carla Teti (costumi) – con un’opera assurta quasi a dimensione totemica. Un’opera che è il frutto di quella che nel 1875 era la capitale teatrale e musicale d’Europa (cioè, allora, del mondo); dove ogni singola nota ha perfetto senso (ricordiamo la “conversione” di Nietzsche, da Wagner a Bizet, come Paolo sulla Via di Damasco ?); e dove esplode la tensione fra gli archetipi e fra i tabù.

Ambientazione anni ’70

In seguito la storia di Carmen ha molto attratto lo spettacolo, da Rita Hayworth a Beyoncé; è stata raccontata in varie versioni, dal flamenco all’hip-hop; ambientata dai Paesi Bassi fino al Sudafrica; nei cartoni di Tom e Jerry; e in più di settanta film, da Charlie Chaplin a Jean-Luc Godard. Michieletto e il suo team – cui uniamo il lighting designer Alessandro Carletti – superano con successo la temibile prova. Lo dimostrano la credibilità e modernità della recitazione della protagonista in scene topiche (e usurate) come l’Habanera, la prossemica fra lei e Don José nell’ufficio di Polizia o, sempre fra loro, in quella finale dell’uccisione; l’ambientazione anni ’70 in una riarsa, modesta provincia spagnola, con costumi che immediatamente ci trasportano in quel preciso periodo; l’aver risolto con freschezza scene abusate come quelle nella taverna del II atto. E ancora, la propulsione drammaturgica realizzata attraverso il disegno luci, dove sono due i protagonisti: una griglia con cento fari a luce bianca o gialla, a vista, che s’inclina si alza si abbassa; e quattro riflettori da cinema (da “cinquemila”), due per parte agli angoli della ribalta. Un eccesso didascalico la ripetuta presenza della donna in mantiglia nera ( la Madre, la Morte…), non necessaria. Nel ruolo del titolo la ventisettenne Aigul Akhmetshina, nata in un villaggio degli Urali, risplende nella sua ricca vocalità in tutti i registri e nel suo physique du rôle; si è già fatta conoscere anche in Italia, all’Arena di Verona e al S. Carlo. Il direttore Antonello Manacorda disegna una convincente interpretazione, anche se avremmo desiderato una maggiore attenzione agli splendidi disegni della scrittura orchestrale bizetiana.

Carmen, Royal Opera House, Londra, fino al 31 maggio

Scopri di più
Scopri di più



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%