I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Ambiente

Dop e Igp, solo il 27% dei consumatori consapevole della maggiore qualità

today20 Marzo 2024 27

Sfondo
share close


I prodotti agroalimentari Dop e Igp nati trent’anni fa come una nicchia sono ormai un asse portante del made in Italy: circa 20 milioni di euro di giro d’affari la metà dei quali realizzati sui mercati esteri e decine di migliaia di operatori coinvolti in tutta Italia. Ma nonostante il grande percorso messo a segno negli anni anche grazie al positivo connubio con l’industria alimentare vantano ancora importanti margini di crescita.

Che sono legati soprattutto a una migliore conoscenza da parte dei consumatori e ancora di più alla possibilità che i consumatori e il mercato ne riconoscano fino in fondo il valore aggiunto. Perché se da un lato ormai la quasi totalità del pubblico sa riconoscere un marchio Dop o Igp ma il vero significato che sottende a un riconoscimento Ue e soprattutto la reale valenza ancora non sono di dominio pubblico.

È quanto emerge dalla ricerca “Conoscenza e percezione di valore delle denominazioni Dop e Igp tra i consumatori in Italia” realizzata dalla Luiss Business School con il supporto di Amazon Italia e presentata questa mattina a Roma. «Oltre il 96% degli italiani – spiegano alla Luiss Business School – sa riconoscere un marchio Dop e Igp ma la percentuale scende al 55% se ci si riferisce ai consumatori consapevoli che il carattere distintivo di un prodotto agroalimentare Dop e Igp sia nel legame con un luogo geografico, con uno specifico territorio. Ma soprattutto dai dati emerge che solo il 27% dei consumatori è convinto che la vera valenza di una produzione di qualità certificata a marchio Ue sia di maggiore qualità rispetto alla media e quindi è disposto a riconoscerne il posizionamento su fasce di prezzo più alte rispetto ad altri generi alimentari».

Tra gli aspetti che risultano chiari ai consumatori c’è la minaccia portata all’universo dei prodotti Dop e Igp dalle contraffazioni. Tuttavia, per contrastare i falsi l’85% degli intervistati ritiene importante aumentare controlli e sanzioni, ma un 84,5% di loro ritiene importante migliorare la consapevolezza dei consumatori e all’81,5% ritiene importante rafforzare la collaborazione tra produttori e distributori.

Scopri di più
Scopri di più

Anche se non sempre è chiaro cosa ci sia dietro un marchio Dop, tuttavia, i consumatori sono propensi a riconoscere a tali prodotti un valore aggiunto. Più in particolare più di un quarto degli intervistati ritiene che un prodotto a marchio UE abbia un valore superiore del 15% a quello degli altri alimentari; il 7,4% è pronto a riconoscere un prezzo superiore anche del 20%. Mentre il 35% degli intervistati ritiene che il differenziale di valore economico debba essere compreso tra il 6% e il 10%.



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%