I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Spettacoli

Winnie The Pooh dell’orrore sbanca ai Razzie 2024

today9 Marzo 2024 6

Sfondo
share close


di Ansa
  

Winnie The Pooh dell'orrore sbanca ai Razzie 2024


(ANSA) – NEW YORK, 09 MAR – L’orsetto Pooh, non quello vero
della Disney ma la versione horror-trash girata grazie alla
scadenza dei diritti d’autore della Disney, ha sbancato ai
Razzie Awards, premi attribuiti a Hollywood alle peggiori
produzioni e ai peggiori interpreti degli ultimi 12 mesi. Il
film low budget, Winnie-the-Pooh: Sangue e Miele di Rhys
Frake-Waterfield, dove l’orso uscito dalla fantasia di A. A.
Milne diventa un mostro assassino che fa strage armato di mazza,
ha vinto in cinque categorie: peggior film, peggior coppia sullo
schermo (Pooh e Pimpi) , peggior remake, rip-off o sequel,
peggior regista e peggior sceneggiatore per Frake-Waterfield.

Doppia vittoria per Megan Fox, sia come peggior attrice
protagonista per il crime thriller horror Johnny e Clyde che
come attrice non protagonista per I Mercen4ri – Expendables,
film per il quale vince anche Sylvester Stallone come peggior
attore non protagonista. Il razzie come peggior attore
protagonista va invece a Jon Voight per l’action thriller Mercy.
Winnie-the-Pooh: Sangue e Miele, è costato meno di 250mila
dollari ed è stato possibile realizzarlo grazie all’uscita dei
popolari personaggi dal franchise della Disney alla scadenza dl
copyright nel 2022. Il film ha incassato 5 milioni di dollari
nel mondo anche per la controversia che ha generato e il suo
autore sta già lavorando al sequel.
I Razzies, la cui prima edizione risale al 1981, sono
annunciati alla vigilia degli Oscar come alternativa satirica
alla manifestazione autocongratulatoria dell’industria di
Hollywood. Il premio è una statuetta dorata a forma di
lampone: razzie è l’abbreviazione di raspberry che in inglese
significa anche pernacchia. (ANSA).
.

di Ansa
  





.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%