I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Gaming

La genesi di Numb3rs, la serie in cui la matematica salva vite

today9 Marzo 2024 4

Sfondo
share close


Ricordiamo insieme la serie che possiamo (ri)vedere su Pluto.tv gratuitamente

Cheryl Heuton e il marito Nicolas Falacci, i creatori di Numb3rs, al momento della nascita della serie erano appassionati di matematica da più di dieci anni. Pur non essendosi mai distinti nel campo, i coniugi Falacci erano da sempre affascinati dalla risoluzione dei problemi, dalla costruzione dei complessi modelli matematici.

Così hanno dato vita a una formula da cui hanno tratto Numb3rs, che potete (ri)vedere gratuitamente su PlutoTV.

Ma la serie non nasceva da un’equazione immediatamente comprensibile, come la semplice:

Numb3rs = C.S.I. – la squadra scientifica + la matematica come soluzione dei casi.

Il risultato è molto più complesso ed i fatti vanno analizzati più a fondo. Cominciamo ad analizzare le variabili.

La genesi di Numb3rs

Speciale Numb3rs: la genesi della serie. Chi dice che la matematica è noiosa?

Cheryl è stata per anni una giornalista. È divenuta una sceneggiatrice solo intorno al 2004, e Numb3rs – datata 2005 – rappresenta il suo debutto. Una decina di anni prima le era capitato di intervistare a lungo Bill Nye, che tutti i fan di The Big Bang Theory conoscono: un comico, ma è anche uno scienziato. Per anni ha realizzato show educativi per l’infanzia (il più noto è Bill Nye – The Science Guy). Cheryl rimane affascinata dal personaggio, dal suo amore per la scienza, dalla sua foga divulgativa, dal suo carattere giocoso. 

La Heuton e Falacci iniziano a parlare di una serie tv che mescoli la visione di uno scienziato con quella di un’altra persona completamente immersa nella pragmatica realtà.

Intanto, alla fine degli anni Novanta, in Louisiana, avvengono una serie di stupri. La polizia non sa cosa fare, non riesce a trovare il colpevole. Come si suol dire in questi casi: brancola nel buio. Gli inquirenti vengono contattati da un detective della polizia canadese. È laureato in matematica, e dice di aver sviluppato un algoritmo con il quale è in grado di rintracciare, anche se con un certo margine d’errore, la residenza dello stupratore. Basta partire dai luoghi in cui ha commesso i crimini e applicare la formula. La polizia lo lascia provare e… Non trovano nessuno. Poi a qualcuno viene in mente che lo stupratore potrebbe aver traslocato. Il matematico applica l’algoritmo con questa variante ed il colpevole viene catturato.
Sì, avete letto bene, è la storia dell’episodio pilota di Numb3rs; tutto è stato preso dalla realtà, persino la formula che l’attore David Krumholtz scrive alla lavagna è la stessa. L’unica licenza poetica che ci si è concessi è stata sull’identità del colpevole. In realtà era un detective della Polizia della Louisiana.

Speciale Numb3rs: la genesi della serie. Chi dice che la matematica è noiosa?

Heuton e Falacci decidono di partire da quella storia per sviluppare la loro serie. Creano i personaggi dei due fratelli e così via, tutti gli altri. Numb3rs inizia a delinearsi ed i coniugi decidono di avvalersi di matematici e di un vero agente dell’FBI come consulenti. Non vogliono commettere errori, come accaduto in A Beautiful Mind e Will Hunting – Genio ribelle, film in cui alcuni scienziati fecero notare che le formule matematiche erano a dir poco fantasiose.
Per molti episodi si ispirano a crimini avvenuti veramente, per altri partono da teorie matematiche intorno alle quali ideare delle storie. E a volte inventano le trame e chiedono ai consulenti delle teorie matematiche da potervi applicare.

Il progetto capita nelle mani di Tony (che purtroppo non c’è più) e Ridley Scott. I fratelli inglesi più famosi di Hollywood decidono di mettere immediatamente in cantiere la serie, che diviene uno dei più grandi successi degli ultimi anni.

Qualcuno crede ancora che la matematica sia noiosa?

Speciale Numb3rs: la genesi della serie. Chi dice che la matematica è noiosa?

Rob Morrow ha ben sedici anni più di David Krumholtz, e il suo ruolo avrebbe dovuto essere interpretato da Gabriel Macht. Ma poi, come sappiamo, le cose andarono diversamente.

Numb3rs, prodotta dai fratelli Scott, ha debuttato sul piccolo schermo della CBS il 23 gennaio del 2005.
La serie, prodotta con successo per 6 stagioni, è stata girata fra Los Angeles e Santa Clarita, in California.

L’episodio pilota che abbiamo visto in TV, quello con la storia vera, non era l’unico pilot realizzato per Numb3rs: i produttori ne avevano confezionate due differenti versioni da sottoporre al network. Nella versione alternativa il cognome di Charlie e Don era Emrick anziché Eppes, l’attore che interpreta Don (Rob Morrow) era Gabriel Macht (The Others), il ruolo di Alan Eppes (Judd Hirsch) era stato assegnato a Len Cariou (Flags of Our Fathers) e quello di Terry (Sabrina Lloyd) a Jennifer Bransford (General Hospital). Inoltre, Terry aveva un ruolo secondario ed il partner di Don era un uomo, interpretato dal noto attore Michael Rooker (Henry – Pioggia di sangue, JFK, The Walking Dead).

Il personaggio di Amita (Navi Rawat, The O.C.), presente in entrambe le versioni del pilot, di cognome si chiama Ramanujan in omaggio al lavoro di Srinivasa Ramanujan, che per oltre vent’anni ha contribuito in maniera sostanziale allo sviluppo delle teorie matematiche.

La prima stagione di Numb3rs ha totalizzato una media di 11 milioni di telespettatori a episodio, saliti a quasi dodici per la seconda stagione e tornati a poco meno di 11 per la terza.
Peter MacNicol ha accettato di interpretare il professor Larry Fleinhardt dopo aver rifiutato diversi altri ruoli: dopo la chiusura di Ally McBeal, la serie TV che lo ha fatto conoscere al grande pubblico nei panni di John “Biscottino” Cage, MacNicol aveva infatti ricevuto molte altre offerte. Tutte ritenute inadeguate, fino a questa.

Fra gli altri volti noti, impegnati a ricoprire ruoli secondari più o meno di rilievo, ci sono Lou Diamond Phillips (Hollywood Homicide, Supernova, Bats), Michelle Nolden (Crossing Jordan, Nikita, ReGenesis), Will Patton (The Punisher, L’agenzia, Armageddon), Joshua Malina (The West Wing, Nel centro del mirino) e David Gallagher (Settimo cielo).

Numb3rs ha rappresentato una rivoluzione in TV: ha portato al riconoscimento della matematica come strumento fondamentale per le indagini investigative, rispondendo alla famosa domanda che prima o poi, in difficoltà di fronte a un compito di matematica, ci siamo posti: “Ma a cosa mi servirà, nella vita?”



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%