I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Sostenibilità

Inquinamento? A Milano è peggiore in casa che fuori

today16 Gennaio 2024

Sfondo
share close



Respirare aria pulita potrebbe diventare un lusso anche in casa propria. A confermarlo è il Global Air Quality Connected Data di Dyson, il report che ha esaminato i dati sulla qualità dell’aria interna provenienti da oltre 2,5milioni di purificatori collegati.

L’85% dei paesi ha riscontrato una qualità dell’aria interna peggiore di quella esterna per oltre sei mesi nel 2022. Nello stesso anno, infatti, due terzi dei paesi hanno registrato livelli medi annuali di PM2,5 interni più elevati rispetto a quelli esterni. Nel Regno Unito i livelli medi annuali di PM2,5 interni sono superiori del 23% rispetto a quelli esterni. Ma anche l’Italia non scherza. Scopriamo insieme cosa è emerso.

Il report

Dyson ha svelato i risultati del suo primo progetto Global Connected Air Quality Data, il più grande studio sulla qualità dell’aria interna a livello globale. Il progetto studia le informazioni sulla qualità dell’aria interna raccolte da oltre 2,5 milioni di purificatori Dyson dal 2022 al 2023, analizzando la qualità dell’aria ambientale nelle case di tutto il mondo. Sebbene i dati si basino su case dotate di purificatori Dyson e come tali non siano rappresentativi a livello nazionale, il volume dei dati raggiunge decine di miliardi di punti e fotografa la qualità dell’aria interna nelle città e nei paesi di tutto il mondo.

L’inverno è stata la stagione più inquinata nella maggior parte delle aree geografiche, ad eccezione di Londra che ha visto la stagione più inquinata in primavera. Solo l’8% dei proprietari di purificatori Dyson a livello globale utilizza le proprie macchine in modalità Auto, per rispondere al meglio a queste sfide relative alla qualità dell’aria.

Qualità dell’aria interna peggiore di quella esterna

Tutti i paesi studiati tranne quattro hanno superato i livelli esterni di PM2,5 per sei mesi o più, tra cui Regno Unito e Germania, dove i livelli interni hanno superato le medie mensili di PM2,5 esterno per undici mesi del 2022, e Cina, Australia, Francia, Austria, Canada e Spagna le cui case hanno superato la qualità dell’aria esterna ogni mese nel 2022.

Solo le case in India, Norvegia, Polonia e Finlandia hanno registrato livelli di PM2,5 costantemente al di sotto dei livelli esterni (meno di sei mesi nel 2022). A febbraio, sette paesi hanno rilevato il livello più alto di PM2,5 indoor rispetto a quello esterno; in Germania, l’inquinamento indoor da PM2,5 è stato più che doppio rispetto a quello esterno, mentre in Austria nello stesso periodo l’inquinamento da PM2,5 indoor è stato superiore del 95%. 20 dei 31 paesi studiati hanno registrato una qualità media annuale dell’aria interna che supera la qualità dell’aria esterna, se si considera il PM2,5; Austria, Spagna, Australia, Canada, Regno Unito, Danimarca e Paesi Bassi sono alcune inclusioni degne di nota.

A livello cittadino, la media annuale di PM2,5 indoor nelle case di Milano era più di 2,5 volte il livello di PM2,5 esterno – una discrepanza superiore a quella di qualsiasi altra città studiata.

Dopo Milano seguono Shenzhen (97% in più indoor), Amsterdam (76%), Seul (53%), Madrid (50%), Melbourne (40%), Vienna (37%), Singapore (36%), New York ( 35%) e Tokyo (24%). 21 città su 35 studiate hanno registrato livelli medi annuali di PM2,5 più alti all’interno che all’esterno. Guardando al mese, otto città studiate hanno registrato livelli di PM2,5 interni più elevati rispetto a quelli esterni per ogni mese dell’anno: Shenzhen, New York, Melbourne, Milano, Roma, Seul, Vienna e Amsterdam.

Media annua di composti organici volatili: l’Europa è ai primi posti

A differenza del PM2,5, secondo Dyson Purifiers sono i paesi europei a registrare i livelli annuali più elevati di composti organici volatili (Cov). In cima alla lista c’è l’Austria, seguita da Romania, Germania, Svizzera, Polonia e Turchia. L’Italia appare all’ottavo posto e l’Irlanda al decimo.

Allo stesso modo, anche le città europee hanno registrato livelli elevati di Cov negli ambienti chiusi rispetto ad altre regioni. Monaco è la città con la classifica più alta, seguita da Pechino, Colonia, Berlino e Vienna. Solo Pechino è tra le prime cinque città sia per PM2,5 annuali che per Cov, mentre Delhi, Istanbul, Shanghai e Città del Messico figurano tra le prime dieci per livello medio di entrambi i tipi di inquinanti.

quelle che si classificano ai primi posti in termini di livelli di inquinamento su base giornaliera, mensile e media – in particolare PM2,5 – tra cui Shenzhen (2,2%), Città del Messico (2,4%) e Shanghai (3%) che rilevano le tre percentuali più basse di purificatori in modalità Auto.



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%