I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Tecnologia

Nuovi laptop Asus ROG: discreti fuori, potenti dentro

today12 Gennaio 2024 5

Sfondo
share close


Anche quest’anno Asus ha scelto il CES 2024 per presentare numerosi nuovi laptop a partire dai modelli ROG Zephyrus G14 e Zephyrus G16 che combinano uno chassis sottile, almeno per quanto riguarda i dispositivi gaming, con processori mobile AMD Ryzen 8000 e Intel Core Ultra, dotati di unità dedicata ai calcoli per l’intelligenza artificiale, e GPU discrete ad alta potenza.

Tanto da poter montare fino alla RTX 4090, la GPU consumer per laptop più potente in circolazione. Ed è la stessa opzione di punta che troviamo anche sui modelli Scar della serie Asus ROG Strix. In questo caso però cambiano sia le dimensioni, più generose, sia la tipologia di CPU. A bordo dei nuovi Strix, infatti, ci sono le nuove varianti mobile dei processori Raptor Lake Refresh che, basati su un’architettura precedente, sono privi di unità per l’AI, ma sono caratterizzati da una potenza bruta molto elevata.

ASUS ROG ZEPHYRUS G14 e G16

La prima cosa che si fa notare dei nuovi Zephyrus G14 e G16 è il nuovo chassis tutto in alluminio, ridisegnato per migliorarne la robustezza e aumentare il volume interno. Con il cambiamento nel design cambia anche l’illuminazione esterna che, chiamata Slash, taglia in diagonale il coperchio dei due Zephyrus e può riprodurre sequenze animate e pattern personalizzati. Tra le altre caratteristiche comuni a entrambi i modelli troviamo formato 16:10, un sistema audio a sei altoparlanti


Grazie al nuovo design, Asus è riuscita a introdurre nei nuovi Zephyrus G14 e G16 sia una tastiera edge-to-edge, sia altoparlanti più grandi che si traducono in un miglioramento nella qualità dei bassi e in un incremento netto del volume massimo. Il tutto compreso in un peso di 1,5 kg e in uno spessore di 1,59 centimetri, almeno nel caso dello Zephyrus G14. Le maggiori dimensioni dello Zephyrus G16 comportano infatti un incremento del peso che arriva 1,85 kg. Ma con l’incremento dell’impronta del laptop diminuisce lo spessore che in questo caso è di 1,49 centimetri.


Per quanto riguarda le caratteristiche hardware, lo Zephyrus G14 si affida ai processori mobile AMD Ryzen 8000 che come i predecessori sono dotati di CPU Zen 4 e di GPU integrata RDNA 3, piuttosto potente e di conseguenza molto utile per contenere i consumi di un laptop in mobilità, potendo godere di prestazioni valide anche senza essere costretti a utilizzare la GPU discreta. Nelle caratteristiche non si fa menzione di CPU specifiche, ma è probabile che le opzioni siano destinate ad arrivare fino al top di gamma della serie. In relazione alla GPU si fermano invece alla GeForce RTX 4070 Laptop le opzioni per la GPU, ma parliamo comunque di un chip grafico in grado di garantire prestazioni elevate.


Si passa a Intel per il processore dello Zephyrus G16, pensato per montare fino al Core Ultra 9 185H, il modello di punta della nuova serie di processori mobile con architettura Meteor Lake. Ed è possibile puntare al massimo anche dal punto di vista della GPU. Le opzioni arrivano infatti fino alla GeForce RTX 4090 Laptop, seppur limitata a 115 W di alimentazione in Dynamic Boost per adattarsi a un laptop da gioco dallo spessore contenuto. Ed è sempre per questo motivo che i modelli dello Zephyrus G16 con RTX 4080 Laptop e RTX 4090 Laptop sono dotati di un sistema di raffreddamento a camera di vapore personalizzato abbinato a due ventole. Negli altri modelli, invece, la dissipazione è affidata a un sistema a tre ventole.


Chiudiamo il paragrafo Zephyrus parlando degli schermi, in entrambi i casi OLED con VESA DisplayHDR True Black 500, copertura della gamma DCI-P3 del 100%, Delta E inferiore a 1, fino a 500 nit di luminosità e tempo di risposta dichiarato di 0,2 millisecondi. A cambiare sono ovviamente le dimensioni, ma anche risoluzione e refresh. Lo Zephyrus G14 punta infatti sulla definizione con un pannello 3K da 120 Hz, mentre lo Zephyrus G16 strizza l’occhio ai giocatori altamente competitivi con un pannello 2,5K da 240 Hz.

ASUS ROG STRIX G E STRIX SCAR

Con le linee Asus ROG Strix G e Asus ROG Strix Scar passiamo a modelli da 16 e 18 pollici esplicitamente pensati per offrire il massimo prestando meno attenzione a peso e spessore. Non a caso l’alimentazione dedicata alla GPU arriva a 175 W in Dynamic Boost, valore che risulta quindi largamente superiore rispetto a quello messo in campo dai due Zephyrus. Scendiamo di livello, invece, per quanto riguarda il comparto audio, per tutti i modelli limitato a soli due altoparlanti. Ma è bene ricordare che in questo caso ci troviamo di fronte a desktop replacement per videogiocatori enthusiast, pensati per essere usati con un paio di cuffie di alta qualità.

Lato hardware partiamo anche in questo caso dalle caratteristiche condivise che comprendono la batteria da 90 Wh con ricarica USB-C, la connettività che comprende una porta Thunderbolt 4 oltre a una porta di rete da 2,5 Gbps, la tastiera chiclet con retroilluminazione RGB indipendente per ogni tasto, l’alimentazione che oltre ai 175 W per la GPU prevede 65 W per la CPU, il supporto per memorie DDR5 a 5600 MHz e il sistema di raffreddamento che fa leva su tre ventole e su pasta termica Conductonaut Extreme sia per la CPU che per la GPU.

Le differenze principali tra le due serie riguardano la GPU – la serie Strix standard si ferma alla GeForce RTX 4080 Laptop mentre gli Scar arrivano alla GeForce RTX 4090 Laptop, e lo schermo. Tutti i modelli, va detto, sono dotati di pannelli ROG Nebula Mini LED da 2.5K con 2000 zone di retroilluminazione, refresh fino a 240 Hz, 3 millisecondi di tempo di risposta, gamma DCI-P3 del 100, Dolby Vision e certificazione Pantone. Ma nel caso degli Strix Scar c’è anche la certificazione VESA DisplayHDR 1000. La luminosità arriva infatti a 1100 nit contro i 500 nit dello schermo dei modelli base, più limitati anche in quanto a opzioni per la memoria DDR5 fermandosi a 32 GB contro 64 GB.


Com’è ovvio che sia la dotazione superiore dei modelli Scar è destinata a riflettersi sui prezzi che arriveranno a cifre elevatissime. Ma anche nel caso dei modelli ROG Strix G16 e G18 parliamo di cifre molto elevate. Basti pensare che il prezzo di partenza della serie, l’unico per ora comunicato da Asus, è di ben 3299 euro. Per la disponibilità, invece, si parla di febbraio.

VIDEO



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%