I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Food

Largeau e le violenze sul cuoco denudato: indagini e finale beffa

today11 Gennaio 2024 23

Sfondo
share close


E’ stato il caso giudiziario di maggiore risonanza nel mondo del “food” a fine anno scorso. C’era un mostro in cucina? A quanto pare no, e ora chi paga i danni?

Aurelien Largeau, chef stellato finito nel fango dei media (foto dal sito Hyatt)

Aurelien Largeau, chef stellato finito nel fango dei media (foto dal sito Hyatt)

C’è un mostro in cucina? Per qualche mese si può scrivere che c’è stato (qui l’intera vicenda in dettaglio) quando Aurelien Largeau, stella dell’alta cucina e chef stellato, è balzato alle cronche internazionali per l’accusa infamante che si è ritrovato addosso. E’ stato un pessimo fine d’anno per l’ex giocatore di rugby, poi diventato eccellenza del fine dining dopo un infortunio che lo aveva portato a una rapidissima ascesa come direttore delle cucine del Hotel du Palais a Biarritz. Accusato di aver fatto spogliare un cuoco, di averlo poi legato completamente nudo ad una sedia di fronte al resto dello staff e di aver abusato di lui umiliandolo con l’uso di una mela e una carota (si può immaginare dove). Ma il il termine delle indagini avviate attorno a questa accusa infamante è una beffa e probabilmente un boomerang per chi le ha mosse.

Prima licenziato e “cancellato” poi prosciolto

Le indagini si sono concluse e la Procura di Bayonne, in Francia, ha comunicato che è stato deciso di “procedere oggi stesso all’archiviazione in mancanza di qualsiasi elemento di carattere penale”. Inoltre: “Si è rapidamente chiarito come il cuoco, che aveva evitato di sporgere denuncia, fosse parte di una messinscena scherzosa nel suo ultimo giorno di lavoro, in un contesto ludico”. Insomma, la scena sarà forse stata un po’ pesante per certe sensibilità sovraccariche di moralismo e influenzate dal clima giustizialista corrente. Ma il procuratore francese lo ha ribadito: “Nessun atto di costrizione, violenza sessuale o aggressione è stato compiuto su nessun membro dello staff, in particolare dallo chef”. Sul quale si è abbattuto il fango mediatico facendogli perdere il lavoro con chiara “violazione della presunzione di innocenza”.

Ora la paura sta dall’altra parte

Jerome Bourrier, il procuratore che ha concluso le indagini arrivando all’invito generale ad abbassare i toni di una vicenda diventata dannosa e surreale, ha sottolineato che il clamore mediatico creato attorno al caso ha fatto danni. Alla carriera e reputazione di Largeau e a quella della prestigiosa catena di hotel e ristoranti Hyatt di cui lo chef era un vanto, fino alle accuse di fronte alle quali è stato licenziato in tronco. Ora si apre la possibilità che sia Largeau a denunciare e chiedere il risarcimento dei danni subiti. A partire da quelle persone che avevano diffuso sui social un video che avrebbe provato chissà quali violenze sessuali in cucina. Largeau si era difeso subito, sostenendo che quelle accuse erano solo “un attacco falso e mostruoso al mio onore e a quello dei miei formidabili staff”. Caso chiuso, torniamo a inventare meraviglie da gustare nel piatto. 

L’accusa e l’indagine che hanno danneggiato Campari, e la risposta miliardaria. Leggi qui





.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%