I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Spettacoli

Burbero e manesco? “Vi racconto mi padre Bud Spencer”

today8 Gennaio 2024 18

Sfondo
share close



Il gigante dei film d’azione e commedia condivisi con Hill si spegneva otto anni fa. Pochi conoscono come fosse nel privato, ne parla Giuseppe Pedersoli

TiscaliNews
  


Antonino Cannavacciuolo ci ha fatto su la propria fortuna, riprendendo il personaggio dell’omone barbuto che assesta manate e sganassoni al resto del mondo ma a fin di bene. E ancora più alto e grosso del cuoco tristellato era Bud Spencer, il pluri campione di nuoto nelle specialità farfalla e stile libero Carlo Pedersoli. Poi fermato a un brutto infortunio e diventato la metà più corpulenta di un duo comico dal successo stellare, quello con Terence Hill. Non moltissimo si sapeva finora del privato di Spencer, a meno che non si avesse in casa una copia della sua autobiografia pubblicata anni fa. Ma a tornare su questa figura amatissima dal grande pubblico è ora il figlio, Giuseppe Pedersoli, apprezzato sceneggiatore.

Un padre gigantesco ma buono

Nessuna violenza, niente cattivi modi da Carlo Pedersoli alias Bud Spencer verso i familiari. L’aspetto burbero era relegato solo ad alcune scene dei personaggi che interpretava. In famiglia era molto diverso, come ha raccontato Pedersoli junior al Corriere della Sera: “Ha girato tre o quattro film all’anno, per dieci, undici mesi era via. Non lo vedevamo quasi mai. Quando tornava ci riempiva di regali. Trenini elettrici e aeroplanini, che piacevano a lui. Sul set andavamo di rado, nemmeno a Campo Imperatore, in Abruzzo, dove giravano i Trinità. Il successo suo e di Terence fu immediato ed esplosivo, non erano preparati. Del lavoro di attore parlava poco, con distacco“. Non era un padre severo. E se la coppia con Terence Hill ha funzionato senza liti per tanti anni il merito è della distanza fra i due.

“Con Terence Hill non si prendevano”

Il rapporto speciale della coppia comica dagli incassi mostruosi, oggi al centro di molte rassegne, festival, con una riscoperta anche critica del loro rapporto, in realtà era quello fra due persone che nelle parole di Giuseppe Pedersoli “non si prendevano”. Per Terence, Bud era Carlo, e per Bud-Carlo Terence era Mario (Girotti, vero cognome dello “smilzo biondo”). “Fuori dal set erano due grandi timidi che non sapevano bene come prendersi. Terence è buono e gentile, però molto introverso. E poi, quando non lavorava, viveva negli Stati Uniti. Saranno usciti a cena insieme tre volte in vita loro” è il ricodo del figlio di Spencer. E poi c’erano le mangiate pantagrueliche di un padre che adorava lo sport ma che nel corso degli anni si era “lasciato andare”, ma che amava la musica (lui che faceva parte del complesso giovanile Gli assatanati del ritmo, che cantava e suonava un po’ il sax) e la cucina. Senza limiti: “Se gli facevi due kg di pasta poteva mangiarseli tutti. Andò da Messeguè, in Svizzera. Gli presentarono un vassoio con due pere cotte. Al che saltò dalla finestra del primo piano e scappò in rosticceria”. Il 27 giugno 2016, a 86 anni, la caduta che ne ha provocato la morte. “Se n’è andato serenamente, la sua ultima parola per la famiglia è stata “grazie”.

Leggi anche: 50 anni di un successo incredibile per “Trinità”. Tutti i retroscena del film

TiscaliNews
  





.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%