I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Spettacoli

Flop Rai, Sergio risponde: “Fake news”. E il caso Domenica In

today21 Dicembre 2023 22

Sfondo
share close


Il numero uno di viale Mazzini respinge la versione secondo cui le reti di Mediaset battono questo servizio pubblico in tutta la giornata. Venier e gli ospiti politici, è scontro

TiscaliNews
  

Roberto Sergio, amministratore delegato Rai, e Mara Venier, conduttrice di Domenica In (montaggio da foto Ansa)

Roberto Sergio, amministratore delegato Rai, e Mara Venier, conduttrice di Domenica In (montaggio da foto Ansa)


Ma allora questa Rai sotto il governo Meloni va bene o male? Va così male come dicono? Il passaggio di volti di spicco del servizio pubblico alla concorrenza (con ascolti boom, vedi Fazio su Nove o Bianca Berlinguer su Mediaset) continua a fa discutere, così come i flop evidenti di Bianca Guaccero e Pino Insegno rientrati in Rai proprio con il governo di destra-centro. Al giro di boa di fine anno, l’ad dell’azienda televisiva pubblica, Roberto Sergio, ha fatto il punto sugli ascolti e risposto in maniera decisa a chi parla di fallimento. Il che non esaurisce la questione. Che comprende il “caso” Domenica In. Vediamo in dettaglio.

La versione di Sergio

L’amministratore delegato Rai ha detto: “Rispetto a quanto letto di frequente anche nelle ultime settimane circa i dati di ascolto, ribadiamo che in base alla fonte Auditel, i canali generalisti Rai mantengono salda la leadership di ascolti sia da inizio anno che in questa stagione televisiva. Rai Uno, Rai Due e Rai Tre nel periodo autunnale (1° ottobre – 16 dicembre) stanno totalizzando una share complessiva pari a oltre 3 punti in più rispetto ai comparabili tre canali generalisti dei competitor (Rai 30,0% e il il principale competitor 26,7%). La leadership aumenta ulteriormente nella prima serata, difatti a fronte di uno share del 30,8% di Rai, il gap sale a quasi 5 punti. Primato che si conferma sia per l’intera giornata che per la prima serata anche sull’anno (nel periodo 1° gennaio – 16 dicembre le generaliste RAI sono al 30,4% e il principale competitor al 26,3%)”. Per Sergio quelle sul flop Rai sono “fake news che creano un danno al patrimonio comune degli italiani”. Chi critica la Rai, insiste su un’analisi dello Studio Frasi che estrae i dati Auditel del periodo settembre-ottobre e che mostra un vantaggio di Mediaset di tre punti percentuali di share. In dettaglio: 38,45 delle reti di Berlusconi contro il  35,37% del servizio pubblico. La diatriba prosegue.

I politici esclusi contro Domenica In

E’ scoppiato intanto in Commissione di Vigilanza il caso Domenica In, i rappresentanti dell’opposizione al governo Meloni accusano Mara Venier e il suo show di violare la par condicio quando si tratta di scelta degli ospiti. In particolare è nel mirino la puntata del 19 novembre, durante la quale si discusse del femminicidio di Giulia Cecchettin, sentendo su questo tema Simonetta Matone, parlamentare della Lega, e Rita Dalla Chiesa, insieme ad Alberto Matano, Matilde D’Errico e la criminologa Roberta Bruzzone. A protestare contro la selezione sbilanciata degli ospiti politici nello studio della Venier, sono stati Stefano Graziano, capogruppo Pd in Bicamerale, Maria Elena Boschi per Italia Viva e Angelo Bonelli per i Verdi. Anche su questo fronte la polemica resta molto accesa. 

 

TiscaliNews
  





.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%