I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Gaming

Final Fantasy 7 Rebirth: “la persona che muore non tornerà”, dice Nomura

today21 Dicembre 2023 12

Sfondo
share close


Uno dei grandi giochi del prossimo anno per i giocatori PlayStation è certamente Final Fantasy 7 Rebirth. Il seguito incuriosisce molti, anche se ci si chiede quanto sarà diversa la trama rispetto all’originale, visto che già il Remake ha preso una propria strada e si è ricollegato a Crisis Core, il prequel arrivato dopo il primo FF7. Ci sono molti eventi che potrebbero cambiare, soprattutto il destino di un certo personaggio. Tetsuya Nomura, director, ha però rilasciato una dichiarazione che spinge a pensare che l’approccio al gioco non cambierà.

Nomura spiega infatti che i temi di vita e morte sono centrali nel gioco e, a suo modo di vedere, la perdita è qualcosa che accade in modo inaspettato. La realtà della morte è che una persona non tornerà più. Precisamente, afferma che “credo che la persona che muore non debba tornare in questo titolo, ed è quello che abbiamo fatto con l’originale”.

Ovviamente Nomura non dà un nome preciso e non è detto che in Final Fantasy 7 Rebirth sia la stessa persona a morire. È possibile che Square Enix, in questa versione alternativa della storia, decida di cambiare “bersaglio”. L’unica cosa sicura detta da Nomura è che la persona che muore non potrà tornare. In breve, la conferma è che nessuno ingannerà la morte perché la vita è un tema centrale nel gioco.

La dichiarazione completa di Nomura

En 21 Ff7Rebirth Ss 1208 Trailer Png Jpgcopy

Ecco però l’intera dichiarazione di Nomura, in traduzione, proveniente da un’intervista con GameInformer:

“A partire dall’originale Final Fantasy VII, quando abbiamo iniziato a lavorarci, era già stato deciso fin dall’inizio che la ‘vita’ sarebbe stata il tema centrale di Final Fantasy VII”, dice Nomura. “Sapevo che dovevamo rappresentare la vita e la morte in questo titolo. Prima di Final Fantasy VII, ci sono stati altri titoli in cui i personaggi hanno vissuto una tragedia, ma molti di loro sono tornati o hanno ripreso vita in qualche modo. Ma credo che la perdita sia qualcosa che accade inaspettatamente e non è qualcosa di così drammatico o prolungato, ma è qualcosa in cui una persona con cui si è appena conversato se ne va all’improvviso e non tornerà mai più. Credo che la persona che muore non debba tornare in questo titolo, ed è quello che abbiamo fatto con l’originale”.

Nella stessa intervista, sono state indicate nuove informazioni sul gioco di carte Queen’s Blood e il pianoforte.





.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%