I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Cinema

Guardiani della Galassia 3 ha due grossi errori di sceneggiatura che nessuno ha notato?

today25 Novembre 2023 4

Sfondo
share close



Guardiani della Galassia Vol.3 è stato un grandioso successo di critica e di pubblico, dimostrandosi uno dei migliori cinecomic degli ultimi tempi. Nonostante la qualità dell’opera ci sono stati un paio di elementi che hanno fatto storcere il naso ai fan della saga, in qualche modo delusi da quelli che hanno considerato come dei buchi di trama.

Dopo aver parlato del rifiuto del ruolo di Gamora di Guardiani della Galassia da parte di Amanda Seyfried, torniamo a parlare della saga creata da James Gunn e, in particolare, del terzo capitolo del franchise, per riportare due buchi di trama che non sono sfuggiti agli utenti più attenti della Rete e che potrebbero causare una forte discussione tra i fan del Marvel Cinematic Universe.

Il primo di questi errori nella sceneggiatura riguarda il fatto che la mancanza dell’elmetto e degli stivali-razzo di Star-Lord nel terzo film hanno quasi causato la morte del protagonista nel corso della narrazione.
Nel corso del lungometraggio non viene spiegato come mai il personaggio interpretato da Chris Pratt non abbia con sé i due strumenti, con James Gunn che ha dovuto spiegare in un tweet come il suo elmetto fosse in un cassetto della sua scrivania, mentre gli stivali fossero diventati inutili vista la realizzazione da parte di Rocket dei Jet Pack.

Il secondo buco di trama è rappresentato dalla scelta dell’Alto Evoluzionario di rinchiudere gli eroi in una fossa con degli Abilisk, creature già viste nel secondo capitolo della trilogia. Questi mostri, però, per quanto terrificanti e violenti, non sono predatori di altri esseri viventi. L’Alto Evoluzionario, vista la sua conoscenza in proposito, avrebbe dovuto tener conto della natura delle creature in questione, che di certo non rappresentano la scelta ideale per uccidere i Guardiani.

Due piccole incongruenze che in pochi nel pubblico hanno saputo notare e che, in ogni caso, non hanno influito in maniera negativa sull’ottima riuscita del film che ha rappresentato l’ultimo lavoro Marvel di James Gunn. In questo senso, vi lasciamo alla recensione di Guardiani della Galassia Vol.3.



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%