I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Food

Prezzi alle stelle e “mischioni” nella bottiglia dell’olio

today12 Novembre 2023 5

Sfondo
share close


Unaprol protesta contro la tendenza dilagante a offrire ai consumatori mix di diversi oli più aromi. Troppo scarsi i controlli, mentre crollano i consumi di EVO

Prezzi fino a 13 euro la bottiglia per l'EVO. Ma i 'condimenti' alternativi non convincono (Shutterstock)

Prezzi fino a 13 euro la bottiglia per l’EVO. Ma i “condimenti” alternativi non convincono (Shutterstock)

L’impennata dei prezzi al consumatore non si ferma, tanto che gli operatori del settore attendono con ansia di capire come si posizionerà e a che condizioni la vendita di olio d’oliva nella grande e piccola distribuzione italiana il prossimo anno. 2024 anno della verità, dunque. Ma la realtà è già qui e mette in difficoltà chi vorrebbe fare una spesa dignitosa senza distruggere il bilancio familiare. Secondo prodotto alimentare con maggiori aumenti di prezzo dopo lo zucchero, l’olio d’oliva e soprattutto l’extravergine ha toccato i 10 euro la bottiglia al supermercato. La speculazione sulle guerre in corso e la scarsità di materia prima per via della ridotta produzione non consentono tagli ai costi. Ma c’è un altra questione che riguarda l’oro verde. Da una parte il moltiplicarsi di condimenti a base di oli di semi vari con aggiunta di aromi, dall’altra bottiglie che mescolano diversi oli la cui qualità è tutta da esaminare. Qui arriva l’allarme lanciato da Unaprol.

Cosa sta facendo impazzire il prezzo dell’olio: non è solo inflazione e andrà peggio. Approfondimento

Il mischione nella bottiglia

Unaprol è la principale associazione italiana di produttori olivicoli, il suo presidente David Granieri ha inviato la richiesta di controlli all’Ispettorato centrale per il controllo della qualità e la repressione delle frodi, e alla Direzione del ministero dell’Agricoltura e della Sovranità aliementare, perché si facciano controlli approfonditi e soprattutto si analizzino con metodo coerente le composizioni dei “condimenti” che uniscono olio d’oliva in una piccola percentuale ad altri oli e ingredienti. Secondo Unaprol, con la pur problematica impennata dei prezzi finali dell’olio d’oliva italiano (l’extravergine ha toccato i 13 euro la bottiglia) è andata moltiplicandosi l’offerta dei blend, cioè i condimenti realizzati con “percentuali residuali di olio d’oliva” mescolati con altri oli. Ma è tutto il teatro oleifero ad essersi trasformato in una guerra commerciale e produttiva, con il crollo delle campagne di promozione, il caro prezzi diventato odioso e il calo degli acquisti e consumi che per l’EVO tocca quota meno 9%, arrivando a -11% per l’olio d’oliva italiano. Se siamo costretti al piano b e a comprare i condimenti che costano meno, che almeno si sappia con certezza cosa contengono e quanto siano salutari.  

Farinetti: Eataly trasformato e Fico chiuso per flop. “Riparto dall’olio calabrese”. Leggi qui





.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%