I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Spettacoli

Mogol e l’ultima lettera a Battisti in ospedale

today19 Settembre 2023 2

Sfondo
share close



Estate 1998, ai primi di settembre Lucio Battisti sta morendo nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale San Paolo di Milano. Non si saprà mai esattamente di che cosa, se di un brutto male ai reni o se per una forma di tumore al fegato. In ospedale arriva la breve lettera tornata al centro delle polemiche fra Giulio Mogol, ex partner artistico e grande amico di Lucio, e la moglie di Battisti, Grazia Letizia Veronese. La lettera che secondo lei non è mai arrivata a Lucio Battisti. La stessa che nella testimonianza del medico Antonio Del Santo esiste eccome, fu lui a farla avere a Lucio.

Le ultime lacrime

In questa storia di lungo risentimento, di separazione fra Mogol e Battisti per questioni di giuste quote di diritto d’autore da spartire (qui tutta la storia) e della guerra degli eredi del cantante contro i discografici (qui l’ultimo capitolo, solo quello vale oltre 8 milioni di euro) restano due cose. Il risentimento di Grazia Letizia Veronese verso colui che nella sua recente lettera aperta definisce “ragionier Giulio Rapetti, imprenditore, in arte Mogol, paroliere”, e quell’ultimo momento di amicizia e tenerezza condiviso per mano di un medico mentre Battisti era in fin di vita. Per il dottor Del Santo la letterà arrivò a Battisti, che pianse leggendo dell’affetto che Mogol ribadiva nei suoi confronti. Poche parole, solo per far capire che l’affetto e la vicinanza erano rimaste salve dal dissidio fra i due. Fu poi Battisti a nascondere quella lettera a sua moglie, e ancora oggi non si sa dove sia finita.

Una nota bella fra troppe stonate

E’ un mistero, come è misterioso il modo in cui certi sentimenti devono trovarsi di fronte a momenti estremi per tornare alla luce, rimuovendo anni di macerie avvelenate. Le battaglie legali attorno allo sfruttamento del repertorio di Battisti e Mogol restano in piedi, la politica ultra protezionistica imposta dalla Veronese sul repertorio non cede di un millimetro. Ma queste sono scorie. E’ bello pensare che quell’ultimo abbraccio fra due amici interrotti sia esistito, e di poterlo conservare come tutti i brani che non sarebbero stati tanto perfetti senza il lavoro congiunto di Mogol e Battisti. 





.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%