I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Tecnologia

LCD Nano Cell Quantum Dot per giocare in grande

today18 Settembre 2023 5

Sfondo
share close


Da qualche anno, LG propone per la sua gamma di televisori LCD di fascia più alta una tecnologia di retroilluminazione a LED Quantum Dot + NanoCell riconoscibili dall’acronimo QNED. Le varie serie sono poi declinate in varianti in configurazione LED Edge e al top anche con evolute soluzioni Mini LED Full Array Local Dimming. Molto interessante anche la proposta in termini di diagonali che arrivano a spingersi fino agli 86 pollici delle serie Mini LED QNED91.


LG ci ha mandato in prova un modello 4K Ultra HD serie QNED82 2023 da 75 pollici (disponibile anche in tagli da 50, 55 e 65 pollici), un televisore capace di coniugare l’effetto cinema grande schermo, con prestazioni molto interessanti, ottimi colori, tanto gaming e il supporto dell’intelligenza artificiale. Il tutto ad un prezzo di listino di poco superiore ai 2.000 Euro.

SOMMARIO

CARATTERISTICHE TECNICHE E DOTAZIONE

La nuova serie QNED82 da 75 pollici ha un design molto semplice e pulito con cornici sottili e uno spessore ridotto, grazie all’utilizzo di un pannello LCD 4K Ultra HD 10 bit nativo di tipo IPS, con retroilluminazione a LED Quantum Dots + Nanocell in configurazione LED Edge. Non ritroviamo, quindi, su questa serie le soluzioni Mini LED Full Array Local Dimming che caratterizzano le serie superiori (QNED86, QNED87, QNED91), ma questo ha consentito, appunto, di contenere lo spessore e soprattutto il prezzo d’acquisto.


Le connessioni sono tutte concentrate sulla parte posteriore destra, con quattro ingressi HDMI, di cui due in versione 2.1 con pieno supporto gaming fino a 120Hz, Variable Refresh Rate anche nel formato proprietario AMD FreeSync Premium, Auto Low Latency Mode e gaming HDR con supporto al tone mapping HGiG pensato proprio per i videogiochi.


Non manca neppure la compatibilità con la nuova funzionalità HDMI 2.1 Quick Media Switching che permette di agganciare la corretta cadenza di visualizzazione (24, 25, 30, 60 fotogrammi al secondo) senza la comparsa della fastidiosa schermata nera. Poche ancora le sorgenti compatibili, ma funziona, ad esempio, perfettamente con le Apple TV 4K di ultima generazione.

A completare la dotazione abbiamo poi due porte USB 2.0, una porta Ethernet (100 Mbps) e connettività Wi-Fi 5 e Bluetooth 5.0 per connettere cuffie wireless, ma anche il proprio game pad per giocare senza console sfruttando le funzionalità cloud gaming integrate nativamente nel sistema operativo webOS 23. Scontata, infine, la presenza dei connettori d’antenna digitale terrestre (DVB-T2 HEVC Main 10) e satellitare (DVB-S2) con supporto all’interattività HbbTV e relativo slot per eventuale modulo CAM (per la piattaforma satellitare Tivùsat, ad esempio).


Il QNED82 da 75 pollici può essere installato sul suo pesante piedistallo in 2 posizioni: più alto per lasciare spazio a un’eventuale soundbar; o più basso per favorire design ed eleganza complessivi. Chi volesse montare il televisore a parete può contare sugli attacchi VESA posteriori 400 x 300mm.


Ma cosa si nasconde dietro l’acronimo QNED? LG ha sviluppato una soluzione di retroilluminazione ibrida LED + Quantum Dot + Nano Cell. Di base la retroilluminazione utilizza LED blu, che vengono riemessi in verde grazie allo strato Quantum Dot e in rosso grazie ai Nano Cell, andando così a comporre la terna RGB che serve a creare le immagini a schermo, con una resa dei colori più pura possibile, un’ottima luminosità in tutte le condizioni e vantaggi anche in termini di angoli di visione.


Per supportare al meglio tutto il funzionamento della retroilluminazione QNED in configurazione Edge (quindi posti sui lati del pannello) con Local Dimming è stata sviluppata la sesta generazione del processore Alpha 7 con Intelligenza Artificiale. La potenza degli algoritmi ha permesso di semplificare molto l’utilizzo del televisore da parte degli utenti meno esperti, con l’IA in grado di riconoscere in maniera automatica il contenuto riprodotto, la sua qualità, l’intensità della luce in ambiente e di applicare i parametri d’immagine, di elaborazione e di ascolto più adeguati.


Particolarmente efficace con la televisione di tutti giorni, lo sport o Youtube, risulta un po’ meno rigoroso con film e serie TV. Chi volesse, potrà ovviamente disattivare gli ausili di intelligenza artificiale in qualsiasi momento. A quel punto potrete spaziare tra i 10 preset d’immagine disponibili, con i due “ISF Esperto” (giorno e buio), “Cinema” e “Filmaker” (per chi non volesse interventi di elaborazione di alcun tipo) i più indicati per la riproduzione di film e serie TV anche da streaming e anche in HDR. Supporto all’elevata dinamica disponibile esclusivamente nei formati HDR10 e HLG, visto che questa serie non supporta il Dolby Vision, né tanto meno l’HDR10+.


Una volta collegata una console videogiochi o un gaming PC si attiva la modalità “Gioco” e la relativa dashboard “Game Optimizer” che raggruppa tutte le funzionalità in grado di soddisfare le aspettative dei videogiocatori più esigenti. Si va da una serie di preset di visione ottimizzati per il tipo di gioco, controlli su alte e basse luci, gestione del VRR, ottimizzazione dell’input lag (davvero bassissimo, a 5ms a 120 Hz) e anche opzioni Multi View per riprodurre in split screen la vostra sessione gaming, affiancata a un video Youtube di aiuto, ad esempio.

PRESTAZIONI E IMPRESSIONI DUSO

Ma come va il nuovo QNED82 da 75 pollici? E’ senza dubbio luminoso, ma non luminosissimo. In SDR può arrivare a quasi 600 nit a pieno schermo in modalità “Vivace” (che sconsiglio di utilizzare in ogni caso) e “Standard” (adatto per la visione di emittenti televisive in ambienti molto luminosi). I preset “Cinema” e “ISF Esperto diurno” sono già molto buoni di fabbrica e adatti alla riproduzione di contenuti cinematografici o serie TV in ambienti diurni o illuminati, mentre i più rigorosi in assoluto sono i preset “ISF Esperto buio” e “Filmaker” pensati per la visione in ambienti bui.

Visualizza a Schermo Pieno

Il contrasto nativo del pannello LCD IPS è di circa 2.000:1, ma per fortuna viene in soccorso il local dimming, piuttosto efficace nel restituire un livello di contrasto dinamico adeguato alla visione dei contenuti in SDR.

Visualizza a Schermo Pieno

Specie dopo una veloce (e facilissima) calibrazione del bilanciamento del bianco a 2 punti in cui la luminanza è stata abbassata a poco più di 100 nit di picco a pieno schermo, questo QNED82 ha messo in luce ottime prestazioni SDR per film e serie TV, centrando perfettamente tutti i parametri di temperatura colore, gamma, copertura gamut REC709 e riuscendo a restituire contrasto e un livello del nero piuttosto contenuto.

Visualizza a Schermo Pieno

Anche in HDR le prestazioni risultano molto interessanti, con i preset “Cinema” e “Filmaker” già ben calibrati di fabbrica, capaci di raggiungere picchi di luminanza HDR di quasi 800 nit (in finestra al 10%) e il tutto con lusinghiere prestazioni di tracking EOTF (e conseguente tone-mapping HDR). In “Vivace” e “Standard” riesce anche a raggiungere i 900 nit di picco, ma in questi casi temperatura colore e gamma EOTF saranno piuttosto scorretti e “freddi” (quindi sarebbe bene non usarli).

Visualizza a Schermo Pieno

Durante la visione di contenuti HDR, il contrasto nativo non eccelso (ma tipico di un pannello LCD IPS) rende l’impatto dinamico un po’ meno travolgente e l’insorgenza di clouding più evidente e fastidioso, in virtù di una soluzione di retroilluminazione LED Edge con relativo local-dimming che non può competere con le più raffinate (e costose) soluzioni Full Array. Eccellenti, invece, la saturazione e la luminosità dei colori, con le coperture gamut REC2020 e DCI-P3 che raggiungono, rispettivamente, il 70% e il 96%.

Sempre per la visione dei contenuti HDR, segnaliamo la presenza dell’algoritmo di “Tone Mapping Dinamico” (per rendere, appunto, dinamici i metadati statici dell’HDR10) piuttosto efficace nel riprodurre al meglio le sfumature alle alte luci di tutti quei contenuti “gradati” a oltre 1500 / 2.000 nit.


Ci ha molto soddisfatto anche l’elettronica generale, ormai molto stabile ed efficace nei suoi interventi sul moto (senza esagerare nelle impostazioni, pena la comparsa di evidenti artefatti di interpolazione) e anche di upscaling e riduzione di eventuali artefatti di compressione.


La smart TV webOS 23 mantiene il family feeling degli ultimi anni con l’interfaccia che è stata però ulteriormente affinata e semplificata, risultando ora più reattiva ed anche intuitiva. Ci sono davvero tutte le App di entertainment e sport richieste per il mercato italiano, diverse funzionalità per lo Smart Working (con accesso alle principali applicazioni di Microsoft e Google) e una sezione dedicata al gaming e alle piattaforme di cloud gaming come GeForce Now o Utomik.


Il tutto viene poi facilmente controllato dall’ormai familiare telecomando “Magic Remote” con rotellina centrale, puntatore a schermo, tastierino numerico e anche diverse utili scorciatoie disponibili e/o personalizzabili.

Visualizza a Schermo Pieno

Il QNED82 da 75 pollici colpisce per l’ampia diagonale, la ricchezza di funzionalità e le prestazioni complessive in rapporto al prezzo. Un’ottima scelta per tutti coloro alla ricerca di un grande schermo per la televisione di tutti giorni e avanzate funzionalità gaming.

PRO E CONTRO

VIDEO



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%