I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Cinema

questo dettaglio cambierà il modo di guardare la saga con Keanu Reeves

today2 Settembre 2023 7

Sfondo
share close



La consapevolezza che le gocce di pioggia in Matrix Revolutions siano in realtà qualcos’altro va di pari passo con altre rivelazioni; in particolare, un dettaglio nascosto nel primo capitolo della saga suggerisce un messaggio ben più pessimista

Stiamo parlando del libro che Neo ha in possesso, Simulacra and Simulation. L’opera di Jean Baudrillard, oltre a rappresentare un semplice easter-egg, arricchisce il tema del film grazie ai contenuti in esso esposti. L’autore definisce l’era in cui viviamo come “iper-reale”, poiché caratterizzata da simboli che ne sostituiscono altri. Via via che le esperienze, i luoghi e le persone diventano artificiali, acquistano un’intensità sempre maggiore che, in altri termini, si traduce in una realtà più autentica della materialità stessa.

Ecco perché Matrix sfrutta Simulacra and Simulation per esprimere un risvolto di profonda sfiducia: il messaggio e l’ambientazione in cui vive Neo non sono attendibili, in quanto sostituite da copie su copie che ormai non significano nulla. Basti pensare a Disneyland, definito da Baudrillard come la versione iper-reale dell’America.

Disneyland si presenta come un immaginario atto a farci credere che sia autentico, mentre Los Angeles e l’America nel loro insieme non sono più attendibili” scrive. “Eppure, appartengono all’ordine iper-reale, così come a quello della simulazione. Non si tratta di una falsa rappresentazione della realtà (ideologica), bensì di nascondere il fatto che il reale non sia più reale“.

Ne derivano tre conclusioni: in primo luogo, il film viene privato della sua stessa essenza; in secondo luogo, è inutile appurare se Neo rientri nel Matrix o meno; in terzo luogo, la necessità di “svegliarsi” comunicata dal monitor perde la propria ragion d’essere, perché Neo, in ultima analisi, non ha nessun luogo in cui può effettivamente svegliarsi. Per approfondire l’argomento, non perdetevi le migliori letture per comprendere la filosofia di Matrix.

E voi cosa ne pensate? Un’interpretazione simile è in linea con la pellicola dei fratelli Wachowski, oppure risulta forzata? Fatecelo sapere nei commenti!



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%