I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Tecnologia

ChatGPT per Android disponibile in Italia

today1 Agosto 2023 17

Sfondo
share close


Già disponibile per iOS da circa due mesi, ChatGPT ha fatto il suo debutto su Android pochi giorni fa, inizialmente solo in Bangladesh, Brasile, India e Stati Uniti. Ora è finalmente disponibile anche in Italia su Play Store consentendo di accedere alle funzionalità del modello di intelligenza artificiale di OpenAI.

L’applicazione richiede Android 6.0 o versioni successive ed è attualmente disponibile nella versione 1.0.0023, ha un peso di 6 MB e si sincronizza su tutti i dispositivi utilizzati per accedervi ed è consigliata per chi è in cerca di risposte istantanee a una data domanda, di una consulenza personalizzata, di fonti di ispirazione, di aiuti di stampo professionale e di opportunità di imparare nuove cose. Ma anche solo la curiosità nei confronti di una tecnologia che sta prendendo piede a gran velocità è un buon motivo per dare un’occhiata a ChatGPT.

L’intelligenza artificiale è senza alcun dubbio protagonista dei nostri tempi. Basti pensare all’ascesa record di Nvidia, arrivata a un valore di mille miliardi di dollari grazie ai suoi chip e i suoi servizi per il deep learning, che fanno il paio con la crescita del valore delle azioni di Microsoft, in buona parte legata all’utilizzo del modello di intelligenza artificiale targato OpenAI nei propri servizi.

E sono un segnale dell’importanza di questa tecnologia anche le diffuse preoccupazioni circa la sicurezza di un qualcosa che, pur essendo ancora in fase embrionale, si sta già facendo strada nel nostro quotidiano. Nel caso specifico di ChatGPT, un bot pensato per conversare con l’utente, i timori più diffusi riguardano la privacy e la sicurezza, così come più volte rimarcato dalla Casa Bianca, dall’FBI e dall’Unione Europea che puntano ad uno sviluppo responsabile dell’intelligenza artificiale.



.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%