I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Spettacoli

Ferradini: “La donna maltrattata di Teorema ero io”

today14 Luglio 2023 2

Sfondo
share close


“Prendi una donna, trattala male” sono versi molto dibattuti e rimasti nella musica italiana. Il cantante racconta i retroscena della nascita del successo

Marco Ferradini (foto dal suo management)

Marco Ferradini (foto dal suo management)

Era il 1981 e da allora quella è diventata la canzone della rivalsa maschile su donne manipolatrici e incapaci di apprezzare la tenerezza e la cura verso di loro. Marco Ferradini scriveva e cantava Teorema con i celebri versi: Prendi una donna, trattala male/Cerca di essere un tenero amante/Ma fuori dal letto nessuna pietà/E allora sì vedrai che ti amerà. Un grande successo, tanto che Ferradini lamenta di esserci rimasto stritolato in mezzo, lui che è autore di più di altre 50 canzoni, che aveva cominciato come antennista e urlando alabarda spaziale! nella sigla tv dei cartoni animati dei Goldrake. La canzone del maschilista in realtà descriveva una realtà rovesciata in cui Marco Ferradini era l’uomo maltrattato dall’ex. E la scrisse per vendetta.

“Quando la mostrai a Teresa” 

“Mai maltrattata una donna, semmai è successo il contrario – ha raccontato a La Repubblica Marco Ferradini – a maltrattarni era la stessa donna a cui ho dedicato la canzone“. Era lui dunque la parte sofferente, e questa sofferenza aveva un nome: Teresa. “Mai più rivista da 42 anni a questa parte”. Ma prima di lasciarsi definitivamente, il cantautore le fece ascoltare il brano che sarebbe poi diventato un classico della canzone italiana. Risposta? “Sei uno stronzo”. Teorema è un successo che resiste al trascorrere del tempo e delle mode. Forse perché arrivava in un periodo in cui la gente era stufa di scontri in piazza, attentati terroristici e cantautorato impegnato: “Io ho avuto il coraggio di raccontare me stesso, i miei sentimenti“. All’epoca sembrava che gli uomini non potessero farlo: “Dovevamo fare la rivoluzione”. Gli anni Ottanta arrivarono con la loro voglia di leggerezza, consumismo, lustrini, superficialità ricca. Dentro c’era il Teorema sull’amore sofferente e su come reagire firmato da Ferradini. 

 





.

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%