I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Music

Morto Vincenzo Spera, presidente di Assomusica che sognava di unire i promoter

today18 Aprile 2023

Sfondo
share close

«I read the news today, oh boy». Comincia così quella che, probabilmente, è la canzone più bella dei Beatles. Comincia parlando di un tragico incidente automobilistico, a cui si fa fatica a credere. Più o meno la stessa reazione di chi, all’alba di martedì 14 marzo, apprende la notizia della morte di Vincenzo Spera, uomo che di musica ha vissuto: manager, fondatore e direttore di Duemilagrandieventi nonché presidente di Assomusica, l’associazione che riunisce tutti i promoter d’Italia. È stato investito nella serata del 13 marzo da uno scooter in corso Magenta, a Genova, a pochi metri da casa sua.

Da quanto si apprende, è stato trasportato in codice rosso al Pronto Soccorso dell’Ospedale San Martino. Vani i tentativi di rianimarlo da parte dell’equipe di anestesisti che ha constatato il decesso pochi istanti dopo l’una. Tutte le cose che si possono dire di lui vengono dopo il fatto che era un grandissimo appassionato di musica, che ha vissuto A un metro dal palco, come recitava il titolo della sua autobiografia, scritta a quattro mani con l’amico Renato Tortarolo. Lunghissima la lista degli artisti con cui ha lavorato: da Beppe Grillo a Fabrizio De André, guardando la sola Genova, sua città d’adozione, da Bob Dylan a Miles Davis guardando gli internazionali. Di lui Paolo Conte diceva: «Uno dei rari dandies che abbia conosciuto, l’altro sono io».

Morto Vincenzo Spera, le immagini con gli artisti

Photogallery10 foto

Visualizza

Di quelli come lui, Spera diceva: «Facciamo il mestiere più bello del mondo ma abbiamo un grandissimo problema: siamo tutte prime donne, non andiamo d’accordo tra noi. Se riuscissimo a trovare sempre la sintesi, il nostro settore sarebbe molto più forte, farebbe arrivare ancora più lontano la propria voce». Per cercare questa «sintesi», aveva dedicato gli ultimi anni della sua vita ad Assomusica, l’associazione di categoria dei produttori di eventi live che presiedeva dal 2011. «Di me dicono che sono un democristiano, lo so», confidava a un amico, «ma la verità è che voglio che i promoter contino ancora di più, perché facciamo un lavoro che ha a che fare con le emozioni. È vero: non muoviamo i soldi dell’industria metalmeccanica. Ma magari il ceo di una grande industria metalmeccanica è innamorato degli U2 o dei Coldplay. Non credo invece che Bono e Chris Martin siano più di tanto appassionati ai tondini di metallo. Il nostro lavoro riguarda tutti, perché “vendiamo” emozioni». Aveva la battuta sempre pronta e, quando era dell’umore giusto, te le cantava addirittura.

Era originario di Salvitelle, comune in provincia di Salerno, e ne era orgoglioso: «Le origini sono importanti. In quello che facciamo ci sono sempre le origini», diceva. A 22 anni si era trasferito a Genova, dove con gli incontri giusti era maturata ancora di più la sua passione per la musica e, occasione dopo occasione, si era trasformata in un lavoro. Aveva gestito l’inaugurazione dell’aeroporto Cristoforo Colombo nel 1986 e la cerimonia delle Colombiane nel 1992. Membro della Consulta dello Spettacolo del Mibac e del consiglio di presidenza dell’Agis, con tutta la categoria dietro di lui si era battuto contro il biglietto nominale ai concerti e per la riapertura delle venue in sicurezza dopo i terribili mesi del lockdown. Per passione nei primi anni Ottanta era andato in Ohio, a vedere un concerto dei Rolling Stones. «Li ho sempre preferiti ai Beatles», diceva a mo’ di sfottò, quando sapeva di avere un grande appassionato beatlesiano di fronte a sé. Chissà cosa avrebbe detto leggendo questo articolo che si apre con una citazione dei Beatles. Ma forse lo sappiamo: «Per chi ama la musica, scegliere tra Beatles e Rolling Stones è come chiedere a un bambino di scegliere tra la mamma e il papà». Siamo figli di tutto quello che ascoltiamo, caro Vincenzo: nessuno poteva saperlo meglio di te.

Scopri di più
Fonte

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%