I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Spettacoli

Grandi: ‘I 100 uomini che ho avuto, cosa è accaduto e perché ne ho uno solo nel cuore’

today7 Aprile 2023 1

Sfondo
share close

Avere 65 anni, sentirsene 28 e portare addosso a se tutti i segni di una vita vissuta con frenesia, passione, carnalità, immergendosi dentro tutto, anche ai propri errori. Serena Grandi aveva già parlato della sua vita che nel bene e nel male ha avuto pochissima pace, scrivendone nel libro Serena a tutti i costi e tornando a svelare episodi e aneddoti in una serie di interviste tv. Con la stessa sincerità aveva ammesso la difficoltà ad avere a che fare con l’immagine di un corpo che cambia. Ma la sincerità e la passionalità ci sono tutte, comprese nelle memorie dei partner avuti. L’attrice ne ha parlato a Un giorno da pecora.

Grandi in radio: l’estratto video (Fonte Rai)

To view this video please enable JavaScript, and consider upgrading to a web browser that supports HTML5 video

No Berlusconi, Panatta indimenticabile

Intervistata da Cucciari e Lauro nella trasmissione radiofonica Rai, Serena Grandi è tornata ad Adriano Panatta (“magari si seccherà”) ricordandolo come il compagno che fra tutti le è rimasto nel cuore: “Quando l’ho conosciuto io aveva 30 anni, era un figo pazzesco. Era simpatico, trasgressivo, molto meglio di Berrettini, che mi pare un po’ ‘moscio'”. Altro amante e sportivo, il calciatore Giorgio Chinaglia, uomo di grande energia e fascino con un ‘ma’: “Alzava il gomito, e quando lo faceva era duro condividere alcune cose”. Berlusconi? Con il Cavaliere, spesso chiacchierato per le sue tante conquiste, non accadde nulla: “Forse ne aveva altre, fatto sta con me non ci ha mai provato. Ai tempi ero sposata e un uomo serio non ci prova in questi casi. Comunque firmai un contratto con lui per tre film e lui mi disse che sarei diventata una star del cinema”. 

Agnelli, Brass 90 e Morandi

In radio Serena Grandi ha parlato anche della sua vicinanza a Gianni Agnelli ma anche qui la conquista non scattò: “Era giovane ma per lui sarei stata una delle tante. Io non sono una delle tante, nemmeno per Agnelli. L’unico che non mi ha fatto sentire così davvero è stato mio marito, scomparso dieci anni fa”. Dell’amore per Beppe Ercole, dei tradimenti patiti, di come lui poi si fosse innamorato di Corinne Clery prima rivale e poi ritrovata come amica tempo dopo, aveva già detto. Dei due pugili che sfinì in una notte come sul ring, pure. Dalla chiacchierata radiofonica sugli amori e le passioni, è rimasto fuori Gianni Morandi, di cui l’attrice aveva parlato in una intervista al settimanale DiPiù, una storia a lungo tenuta riservatissima: “Nei primi anni Ottanta, io muovevo i primi passi come attrice, andai a vedere un concerto di Gianni. Lo ammiravo e andai dietro le quinte a salutarlo. Scattò qualcosa, ci scambiammo i numeri di telefono, mi chiamò. Ero stregata dai suoi occhi azzurri”. Lei aveva 24 anni ed era single, Morandi ne aveva 38 e aveva chiuso il matrimonio con Laura Efrikian: “Gli uomini sono sempre stati un po’ spiazzati dalla mia procacità e dalla mia vivacità ma Gianni invece non mi ‘temeva: era deciso, sicuro di sé e questo mi piaceva. E poi, era passionale, dietro quell’aria da bravo ragazzo nascondeva grande carica. Un amore breve ma molto intenso: “Fu lui a lasciarmi e io soffrii, ma poi con il tempo siamo diventati amici”. 

Fonte

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%