I VOSTRI MESSAGGI
Marika artemas - i like the way you kiss me Ciao, grazie per tenermi sempre compagnia, volevo ascoltare Artemas, mi piace un casino. saluti da Porto San Giorgio Filippo Red Hot Chili Peppers - Californication ciao Radio FM, potete suonare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Grazieeeee 😍 Manolo 883 - Se Tornerai Ciao Simone volevo augurare a te e a Paolo un a buona Pasqua volevo dedicare a Lisa che gli voglio tanto bene

Music

Addio al compositore giapponese Ryuichi Sakamoto, premio Oscar nel 1987 per L’Ultimo imperatore

today6 Aprile 2023 1

Sfondo
share close

Il musicista e compositore giapponese Ryuichi Sakamoto è morto all’età di 71 anni dopo una lunga battaglia contro il cancro. Lo ha reso noto la sua agenzia, a distanza di qualche giorno dalla scomparsa, avvenuta martedì. Nato a Nakano nel 1952, e considerato uno dei primi sperimentatori tra la musica etnica orientale e i suoni elettronici dell’Occidente, Sakamoto aveva ricevuto numerosi riconoscimenti in carriera tra cui il premio Oscar nel 1987 per la colonna sonora del film L’Ultimo imperatore, diretto dal regista italiani Bernardo Bertolucci, realizzata insieme all’inglese David Byrne e al cinese Cong Su.

La collaborazione musicale con David Sylvian

Sakamoto ha vinto premi internazionali – oltre all’Oscar, un Grammy e un Bafta – per il suo lavoro come artista solista e come membro della Yellow Magic Orchestra. Il suo primo lavoro cinematografico di rilievo, “Furyo” di Oshima Nagisa, risale al 1983: una scommessa vinta non solo sul piano musicale, grazie soprattutto alla canzone “Forbidden colours” (composta con David Sylvian, ex cantante dei Japan): in questo film Sakamoto ha esordito come attore, rivelando doti non comuni mentre si contrappone sul grande schermo a David Bowie (coprotagonista del film).

L’Oscar con Bertolucci

Musicista di formazione classica, ma votato alla musica popolare, Ryuichi Sakamoto ha iniziato a comporre per il cinema dopo essersi affermato sulla scena del pop giapponese con la Yellow Magic Orchestra. La sua capacità di accogliere le sollecitazioni più disparate, coniugando influenze occidentali e tradizioni orientali, è stata messa a frutto nel cinema da registi come Ōshima Nagisa, Brian De Palma, Volker Schlöndorff, Pedro Almodóvar oltre che Bertolucci, grazie al quale è diventato il primo giapponese a conquistare un Oscar per la colonna sonora, e per il quale ha scritto anche le musiche di “Il tè nel deserto” e “Piccolo Budda”.

La carriera musicale

Sakamoto aveva studiato scrittura musicale all’età di 10 anni rimanendo affascinato dai Beatles e da Debussy. Nel 1978 formò gli YMO con Haruomi Hosono e Yukihiro Takahashi che con la loro musica techno-pop, che faceva pieno uso di sintetizzatori, era in sintonia con i tempi della fine degli anni ’70. Ha lavorato con molti artisti, specie con Alva Noto con cui ha stretto un sodalizio longevo e ricco di cinque album. Nel 2017 aveva pubblicato il suo album solista intitolato Async, mentre a gennaio di quest’anno è uscito il suo ultimo lavoro: 12

Scopri di piùScopri di più

Le altre collaborazioni cinematografiche

Oltre che con Bertolucci Sakamoto ha stretto altre collaborazioni con registi importanti come Volker Schlöndorff (”Il racconto dell’ancella”, 1990), Pedro Almodóvar (”Tacchi a spillo”, 1991), Brian De Palma (”Omicidio in diretta”, 1998), Murakami Ryu (”Tokyo decadence”, 1991). Dopo le sonorità della musica ambient in “Love is the devil” (1998) di John Maybury, per Oshima ha scritto le musiche di “Tabù – Gohatto” (1999). È tornato a collaborare con De Palma per “Femme fatale” (2002). E’ autore anche delle colonne sonore di “Seta” (2007) di François Girard, “Revenant – Redivivo” (2015) di Alejandro González Iñárritu, “Il caso Minamata” (2020) di Andrew Levitas e “Beckett” (2021) di Ferdinando Cito Filomarino.

Fonte

Scritto da: redazione

Rate it

Classifica

Tracklist completa

ASCOLTACI CON LE NOSTRE APPLICAZIONI

0%